Home / Meteo e Ambiente / Gelo dell’Epifania: cosa accadrà realmente?
Gelo dell’Epifania: cosa accadrà realmente?

Gelo dell’Epifania: cosa accadrà realmente?

In questi giorni le mappe hanno delineato un quadro davvero eclatante della situazione meteo per i prossimi giorni: infatti la neve dovrebbe tornare, dopo due anni, a fare la sua comparsa su Messina e provincia, mentre le isoterme in quota raggiungerebbero valori mai più eguagliati dopo il marzo 1949, quando l’isoterma di -10 abbracciò lo Stretto.

Un anticiclone, infatti, sta prendendo possesso della Gran Bretagna, facendo scorrere sul suo bordo orientale una massa d’aria gelidissima proveniente dalla Russia(nella foto, la neve del 2014 sui Nebrodi).

In queste ore siamo interessati da piovaschi e venti di maestrale. Il gelo di cui abbiamo parlato, invece, sarà nel messinese nella serata di giovedì, con la neve che verso la mezzanotte avrà raggiunto quote di bassa montagna, se non leggermente più basse.

Venerdì il colpo di scena: verremo interessati dall’isoterma di -10 a circa 1500 metri di quota. Il contrasto con le tiepide acque del mare provocherà la genesi di fenomeni anche intensi, specie-viste le correnti-sul settore Tirrenico, con la quota neve che già in mattinata si porterebbe al livello del mare. Tutta la giornata di venerdì sarà gelida: Messina sfiorerà lo zero, e Peloritani e Nebrodi saranno interessati da nevicate a tutte le quote. con accumuli localmente importanti.

Sabato il nucleo gelido sarà ancora sulle nostre teste almeno fino a metà giornata, dunque la neve continuerebbe a cadere al livello del mare.

Tra sabato pomeriggio e domenica vi sarà un lieve rialzo delle isoterme, sempre in un contesto gelido, infatti in collina e in montagna continuerà a nevicare.

Per eventuali spostamenti nei giorni suddetti è raccomandabile consultare gli enti preposti, stante la formazione di ghiaccio nelle aree innevate.

Il freddo in quota si allontanerà pian piano a inizio settimana, ma mentre in quota la temperatura si alzerà, al suolo resterà un “cuscino” di aria fredda che sarà eroso molto lentamente, specie nelle vallate e nelle aree pianeggian

Seguici e condividi:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi obbligatori sono contrassegnati con un *

*

Torna su