Home / Cronaca / Perde il controllo dell’auto e finisce in una scarpata
Perde il controllo dell’auto e finisce in una scarpata

Perde il controllo dell’auto e finisce in una scarpata

Spaventoso e drammatico incidente quello avvenuto ieri sui colli Sarrizzo, o meglio dalla strada che conduce da questa rinomata zona messinese a Portella Castanea. Protagonisti sfortunati del drammatico evento sono stati tre ragazzi e un quarantenne che conduceva l’auto, una Mercedes classe E, vecchio modello, finita improvvisamente nella scarpata, in seguito ad un improvvisa perdita del controllo ancora da verificare.

Nessuno delle quattro persone presenti dentro l’auto, è rimasta illesa, riportando svariate ferite. Restano però particolarmente gravi, le condizioni di uno dei ragazzi, ricoverato al Policlinico, avendo riportato, in seguito all’impatto, alcune fratture e un trauma vertebrale, sul quale sin da subito sono stati avviati accertamenti da parte prima dei medici della Pediatria d’urgenza e poi quelli della Neurochirurgia generale, in cui è stato trasferito.

Secondo le prime ricostruzioni, erano da poco passate le 15.30 quando il conducente dell’auto, ovvero il padre del ragazzo rimasto gravemente ferito, avrebbe perso il controllo del veicolo, sfondando il muretto laterale e finendo nella boscaglia, con un volo di circa quattro metri. Immediato l’intervento degli altri automobilisti che si trovavano li in quel momento, subito accorsi avendo visto l’impressionante incidente. Rapido e tempestivo poco dopo, il soccorso del 118 e dei vigili del fuoco, accorsi li contemporaneamente.

Qualche minuto sono sopraggiunte alcune pattuglie della polizia municipale, dei carabinieri e della polizia di stato, che hanno poi seguito i rilievi del caso, utili a ricostruire la dinamica dell’incidente. I ragazzi estratti non con poche difficoltà dall’abitacolo, sono stati prelevati da due ambulanze, che si sono dirette una al pronto soccorso del Papardo, contenente i feriti meno gravi, mentre l’altra con il ragazzo, che tuttora versa in condizioni gravi, verso il Policlinico al reparto Neurochirurgia, per verificarne le condizioni. Per un pomeriggio all’insegna della spensieratezza, trasformatosi in un dramma, che si spera possa rimanere di media dimensioni.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su