Home / Cronaca / Montagnareale: piromane arrestato dai carabinieri
Montagnareale: piromane arrestato dai carabinieri

Montagnareale: piromane arrestato dai carabinieri

Sabato scorso, i militari dell’Aliquota Radiomobile del Nucleo Operativo di Patti, hanno effettuato dei servizi mirati al controllo del territorio. Durante le perlustrazioni, lungo la strada provinciale 128, in contrada Coco (Montagnareale), i carabinieri hanno notato, lungo il ciglio della strada, fortunatamente ancora solo nel sottobosco, dei focolai di piccole dimensioni che, a causa del forte caldo e del vento, da li a poco sarebbero potuti diventare incendi di grossa portata che avrebbero potuto interessare tutto il bosco circostante.

Nei pressi dell’incendio i militari avevano notato uno scooter con un uomo a bordo che, alla loro vista, tentava invano di nascondersi. I carabinieri hanno quindi fermato e perquisito sia l’uomo che il mezzo.

Nel corso della perquisizione sono stati trovati e sequestrati: 5 accendini (2 trovati nella tasca dei pantaloni dell’uomo e 3 nel bauletto dello scooter), 3 bottiglie di plastica contenente liquido infiammabile (una rinvenuta sulla pedana dello scooter e 2 nel bauletto) e circa 2 grammi di marijuana. L’uomo è stato identificato in Teodoro Segreto, 36enne nato a Patti ma residente a Montagnareale, con precedenti di polizia.

I Carabinieri hanno immediatamente spento i piccoli focolai, scongiurando così il propagarsi di incendi di più ampia portata e l’uomo è stato arrestato per il reato di incendio boschivo.

Lo stesso, dopo le formalità di rito, su disposizione del Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Patti, è stato tradotto presso la propria abitazione a Montagnareale in regime di arresti domiciliari, in attesa di udienza di convalida dell’arresto, che si terrà oggi.

Nella tarda mattinata di domenica, i militari dell’Arma, mentre effettuavano un servizio di controllo del territorio, hanno visto, sulla pubblica via, il 36enne che doveva trovarsi a scontare gli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Immediatamente fermato, l’uomo è stato tratto nuovamente in arresto per evasione dagli arresti domiciliari.

Lo stesso, dopo le formalità di rito, su disposizione del Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Patti, è stato tradotto presso la Camera di Sicurezza della Compagnia Carabinieri di Patti, in attesa di udienza di convalida dell’arresto, che si terrà oggi.

L’uomo dovrà quindi rispondere del reato di incendio boschivo e di evasione dagli arresti domiciliari.

Seguici e condividi:
Torna su