Home / Meteo e Ambiente / Forte maltempo, poi arriva il freddo
Forte maltempo, poi arriva il freddo

Forte maltempo, poi arriva il freddo

Cari amici,

prosegue l’autunno messinese, con la stazione meteo di San Michele che è scesa già più volte sotto la soglia dei 10 gradi e le piogge che hanno bagnato a intermittenza il territorio.

Nel corso delle prossime ore la nostra provincia, specie la zona jonica, sarà investita da una nuova ondata di maltempo, che sotto la spinta di correnti di scirocco e levante produrranno ingenti apporti pluviometrici. La zona centro-nord del capoluogo, riparata dall’Aspromonte, potrebbe essere meno colpita da questa nuova fase perturbata, ma è bene porre comunque attenzione visto che le temibili linee di convergenza sono in agguato, così come i forti temporali.

Questa fase durerà fino a domenica, ma saranno venerdì e sabato i giorni più critici. I mari saranno agitati, specie lo Jonio, e i venti moderati o forti dai quadranti sud-orientali. La temperatura sarà stazionaria o in lieve aumento.

Lunedì e per tutta la prima parte della settimana, sotto la spinta di correnti fresche di maestrale giungerà aria più fredda, e nuovi piovaschi interesseranno la nostra provincia alternati a pause asciutte. Questi mutamenti saranno dovuti al continuo spostamento del minimo depressionario che provocherà anche una continua rotazione del vento, che “nascendo” come maestrale proverrà successivamente dai quadranti meridionali e poi di nuovo da quelli settentrionali, ma avrà comunque una matrice artica.

I mari saranno mossi e la temperatura subirà un brusco calo, mentre qualche fiocco di neve potrebbe fare la sua comparsa sulle cime dei Nebrodi e su quella del dirimpettaio Aspromonte.

Vi invitiamo, prima di mettervi in viaggio in questo weekend, a mettervi in contatto con gli enti preposti per la sicurezza stradale, augurandoci che l’imminente forte ondata di maltempo non sia foriera di troppi danni.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi obbligatori sono contrassegnati con un *

*

Torna su