Home / Politica / Comune / Messina, Accortinti dichiara di volersi ricandidare a Sindaco: “Un’avventura meravigliosa”
Messina, Accortinti dichiara di volersi ricandidare a Sindaco: “Un’avventura meravigliosa”

Messina, Accortinti dichiara di volersi ricandidare a Sindaco: “Un’avventura meravigliosa”

Questa mattina, durante la conferenza stampa di fine anno tenutasi a Palazzo Zanca, il sindaco Renato Accorinti ha dichiarato la sua intenzione di ricandidarsi alle prossime amministrative.

Della notizia si sentiva già parlare da qualche tempo ma solo oggi si è avuta l’ufficialità.

Stando alle dichiarazioni del sindaco, a dare forza a questa nuova candidatura, in particolare, i risultati concretizzatisi nel corso del 2017: “Dopo 4 anni e mezzo il bilancio finalmente si può fare, pensate alle partecipate, non solo ATM, in pratica non esistevano più. O ad opere come il porto di Tremestieri, via Don Blasco. Sono stati dei mantra ripetuti per trent’anni, questa volta li abbiamo fatti”.

Noi scegliamo per competenza – ha sottolineato il sindaco –, non per amicizia, questo è il cambio radicale in una città che è stata sempre clientelare per tutto”.

Infine Accorinti, rievocando lo scenario del 2013, quando come da lui spiegato furono gli stessi cittadini a chiedergli di rappresentare la città, ha dichiarato: “Farò un video in cui chiederò se la gente vuole che quest’avventura continui e se vuole che continui con me”. Forse nell’intento di rimettere in piedi quell’insolito fenomeno socio-mediatico che portò alla sua elezione cinque anni fa.,

La cosa, però, ha suscitato già qualche critica proveniente dalla frangia di ex sostenitori della prima ora, adesso detrattori. Questi hanno infatti manifestato qualche perplessità rispetto al fatto che il sindaco distintosi ed eletto proprio per la sua attenzione verso il coinvolgimento diretto, quasi fisico, della cittadinanza adesso chieda l’appoggio dei cittadini con un video diffuso sul web.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi obbligatori sono contrassegnati con un *

*

Torna su