Home / Cronaca / Policlinico: infermieri sul piede di guerra, domani sit-in di protesta
Policlinico: infermieri sul piede di guerra, domani sit-in di protesta

Policlinico: infermieri sul piede di guerra, domani sit-in di protesta

Il personale del comparto del Policlinico “G. Martino” di Messina è sul piede di guerra. I sindacati Nursind, Flc Cgil, Cisl Università, Uil Scuola e Usb hanno proclamato lo stato di agitazione, dopo che l’azienda ha comunicato l’intenzione di rivedere il modello organizzativo istituendo la figura dei “RID”, i Responsabili infermieristici dipartimentali. Si tratta di figure che riceverebbero indennità dal fondo del personale: insomma, mentre restano criticità in organico, si riduce il budget a tutta la platea di dipendenti per destinarlo a pochissimi.

“Tra l’altro – spiegano i sindacalisti Latella, Di Renzo, Fallico, Alessandrino e Lisitano – l’istituzione dei RID è stata più volte respinta così come la nuova organizzazione, che appare solo generatrice di confusione e rischia di scaricare sui direttori responsabilità amministrative e sindacali che sono in capo alla governance dell’azienda. Questa decisione rischia pure di creare malumori tra il personale che, già gravato di pesanti carichi lavorativi dovuti a una dotazione organica che appare non adeguata, si vede senza alcuna trasparenza ‘trasferito’ continuamente di sede”.

“E non dobbiamo dimenticare – aggiungono i sindacati – che l’istituzione dei RID comporta un costo e quindi una modifica dei fondi contrattuali, modifica che è di pertinenza della contrattazione integrativa e non oggetto di semplice informativa, ponendosi in caso contrario i presupposti del comportamento antisindacale, che ci riserveremmo di perseguire ove ne ricorressero i presupposti”. 

Dunque i sindacati chiedono di “non procedere alla nomina dei RID perché dispendiosa e con le stesse risorse si potrebbero fare numerosi passaggi orizzontali. Auspicano l’immediata assunzione di personale infermieristico e l’inquadramento del personale ausiliario e OTA interno già formato o in possesso del titolo in OSS”. 

I sindacati hanno quindi chiesto l’autorizzazione a svolgere un’assemblea del personale interessato per il 7 febbraio, dalle 11,  presso l’saletta sita al secondo piano del padiglione Ni.

E in occasione della riunione con l’azienda fissata per martedì prossimo 30 gennaio, a mezzogiorno, nella stessa saletta, hanno organizzato un si-in di protesta del personale del comparto.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su