Home / Cronaca / Travolge due pedoni su corso Cavour e si dà alla fuga: guidava sotto l’effetto di droga e alcol
Travolge due pedoni su corso Cavour e si dà alla fuga: guidava sotto l’effetto di droga e alcol

Travolge due pedoni su corso Cavour e si dà alla fuga: guidava sotto l’effetto di droga e alcol

Ieri mattina, intorno alle 11:30, una coppia, mentre attraversava corso Cavour all’altezza del palazzo della provincia, è stata travolta da un pirata della strada a bordo di una Peugeot 206.

L’auto in questione, stando alle testimonianze dei presenti, stava peraltro procedendo lungo la corsia riservata a bus ed autobus e, diversamente da quanto fatto dagli automobilisti sulle corsie regolari, non avrebbe accordato la precedenza ai due passanti centrandoli con enorme violenza, tanto da sbalzare l’uomo a diversi metri dal punto d’impatto.

Il pirata non si è fermato a prestare soccorso ed ha tentato una fuga rocambolesca. Sul posto era presente anche un agente fuori servizio della questura di Agrigento che, avvertiti i colleghi messinesi, ha inseguito il fuggitivo a bordo della propria auto.

L’inseguimento si è concluso in via della Zecca all’altezza del civico 55 dove il conducente della Peugeot ha perso il controllo della sua vettura andandosi a schiantare contro una palo della luce.

Raggiunto dal poliziotto in borghese che ha tentato di estrarlo dall’abitacolo per bloccarlo definitivamente, l’uomo ha inoltre opposto resistenza colpendo il pubblico ufficiale per cui si sono rese necessarie cure mediche.

A seguito di controlli più approfonditi il pirata è risultato essere Dzemail Redzip, quarantottenne montenegrino, senza fissa dimora, con precedenti alle spalle. Questi, che si trovava alla guida pur senza possedere una regolare patente, è risultato inoltre positivo sia al droga-test che all’alcol-test (il suo tasso alcolico nel sangue era di 3,11 g/l).

L’uomo è stato quindi tradotto presso il carcere di Gazzi accusato di lesioni gravissime, omissione di soccorso e resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Entrambi i pedoni sono stati ricoverati in ospedale con codice rosso. Lei trentasettenne, presso l’ospedale Papardo, ha ricevuto una prognosi di 30 giorni. Lui, notaio quarantunenne, il più grave, è invece stato trasportato presso il Policlinico “G. Martino”, dove è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva.
Le condizioni dell’uomo, sottoposto a coma farmacologico, sono tutt’ora critiche e la prognosi resta riservata. A destare particolare preoccupazione nei medici la possibilità della presenza di alcune lesioni celebrali.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su