Breaking News
Home / Sport / Altri sport / Il pulmino targato “Parolimparty tour” spegne i motori dopo l’ultima tappa a Roma
Il pulmino targato “Parolimparty tour” spegne i motori dopo l’ultima tappa a Roma

Il pulmino targato “Parolimparty tour” spegne i motori dopo l’ultima tappa a Roma

Si è concluso domenica, in occasione della leadership conference nazionale di Aism, il “Parolimparty Tour”, il viaggio a bordo di un pulmino di dieci giovani “ambasciatori” che hanno attraversato l’Italia per promuovere lo slogan: “Tutti liberi di fare sport”.

In piena inclusione ragazzi affetti da sclerosi multipla e volontari AISM hanno vissuto un’avventura che li ha portati lungo il viaggio a condividere l’esperienza della patologia e ad imparare a celebrare la vita affrontando col sorriso le difficoltà fisiche e le fragilità psicologiche che la stessa ci mette davanti.

La prima tappa del viaggio è stata Vibo Valentia e dopo quelle di Bari, Pescara, San Benedetto del Tronto, Firenze, Genova, Torino e Milano, il tour ha spento i motori a Roma. Ma solo temporaneamente, perché da domani le associazioni Mediterranea Eventi, AISM e Bios, promotrici dell’iniziativa, cercheranno di abbattere le barriere tra sport e disabilità attraverso un percorso di sensibilizzazione rivolto agli studenti di scuole e università.

A partire dal mese di maggio, invece, inizierà la formazione di circa 50 volontari che saranno successivamente impegnati nel vero e proprio evento clou del progetto “Parolimparty”, una tre giorni sportiva in cui persone con diverse disabilità potranno cimentarsi nella pratica di otto discipline in piena inclusione e accessibilità.

A fare da cornice all’evento, in programma dal 7 al 9 settembre, sarà il lido Open Sea AISM di Milazzo che per un week end diventerà meta di decine e decine di sportivi, trasformando così il comune mamertino nella “capitale” dello sport e dell’inclusione.

La sfida del “Parolimparty” è, però, solo all’inizio perché il grande obiettivo delle tre associazioni promotrici è quello di esportare la manifestazione in tante altre città d’Italia e creare una rete di comuni in cui tutti siano liberi di fare sport.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su