Home / Politica / Messina, Emilia Barrile denunciata dalla dipendente di una cooperativa: la candidata a Sindaco replica
Messina, Emilia Barrile denunciata dalla dipendente di una cooperativa: la candidata a Sindaco replica

Messina, Emilia Barrile denunciata dalla dipendente di una cooperativa: la candidata a Sindaco replica

Un esposto all’Ispettorato del Lavoro dello scorso 7 maggio chiama in causa Emilia Barrile. A presentare la segnalazione è un’impiegata della società cooperativa sociale “Universo e Ambiente”, presieduta da Giovanni Luciano. Il presidente non era, dunque, la candidata a sindaco, tuttavia dai racconti verbalizzati della signora Giuseppina Fileti emerge quanto di seguito riportato: “le disposizioni di lavoro le ricevevo direttamente da Emilia Barrile, responsabile di fatto.”

Secondo quanto da lei dichiarato, la donna riceveva dalla suddetta cooperativa buste paga dell’ammontare di 1400 euro, ricevendone di fatto soltanto 380. “Spesso sono stata obbligata ad assentarmi per motivi di salute (come risulta agli atti dell’Inps) – riferisce – ma lavoravo ugualmente. Sono stata licenziata perché in stato di malattia mi sono rifiutata di andare a lavorare.”

La denunciante ha rilasciato dichiarazioni in merito all’attività lavorativa da lei svolta presso il ristorante l’Ancora selfservice, sulle navi Caronte, al Cimitero per lo Iai Cisl e in vari centri di formazione; ha, inoltre, riferito di essere stata la domestica, sia del presidente del Consiglio comunale Barrile che della figlia, senza ricevere compenso alcuno. “Non ho percepito alcuna retribuzione.” – così denuncia.

Le repliche non tardano ad arrivare. “Non sono io la presidente di quella cooperativa. – precisa il politico – Per quanto mi riguarda, quando sapevo che la signora aveva bisogno, l’ho aiutata ma a casa mia non ha mai lavorato stabilmente.”

La faccenda sembra non fermarsi qui; la dpendente manifesta l’intenzione di portare la documentazione alla Guardia di Finanza. Già al momento della presentazione della sua candidatura a sindaco, Emilia Barrile non aveva taciuto il proprio timore che fosse in itinere una manovra nei suoi confronti. “Ma io vado avanti comunque” – aveva detto.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su