Home / Cronaca / Arrestato dai carabinieri il motociclista fuggito dopo aver investito bimba di 9 anni
Arrestato dai carabinieri il motociclista fuggito dopo aver investito bimba di 9 anni

Arrestato dai carabinieri il motociclista fuggito dopo aver investito bimba di 9 anni

E’ stato identificato, in appena 24 ore, il motociclista che venerdì, a Giardini Naxos, aveva investito, lungo la via Vittorio Emanuele, una bimba di nove anni che, insieme al padre ed al fratellino, stava attraversando la strada sulle strisce pedonali all’altezza del civico 232.

La bambina è stata sbalzata a terra dal violento impatto con la motocicletta ed è caduta sbattendo con il viso ed il corpo. Il centauro era fuggito, facendo perdere le proprie tracce.

I militari dell’Arma, dopo aver ascoltato il padre della bambina che ha ricostruito la dinamica del drammatico episodio, riferendo che il centauro procedeva a velocità sostenuta, hanno sentito i numerosi testimoni che hanno assistito all’evento ed hanno esaminato le immagini di tutti i sistemi di videosorveglianza, oltre dieci, presenti lungo la via.

Sulla base delle dichiarazioni dei testi e delle riprese video i carabinieri hanno individuato tutti i motocicli che erano transitati lungo la via nell’arco orario dell’investimento procedendo, successivamente, all’individuazione dei veicoli e dei loro proprietari ispezionandoli uno ad uno fino ad individuare l’autore dell’investimento in S. B., 26enne di Graniti, il quale è stato rintracciato nella serata di ieri.

Il veicolo è stato posto in sequestro per i successivi accertamenti così come gli abiti indossati dal motociclista al momento dell’evento e l’uomo, dopo essere stato arrestato, è stato messo a disposizione della Procura della Repubblica di Messina che coordina le indagini e che ha disposto i domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

La bambina, che nell’incidente ha subito un politrauma, è stata trasferita dall’ospedale San Vincenzo di Taormina al Policlinico di Messina, dove le sue condizioni vengono monitorate sotto stretta osservazione. Al momento è in prognosi riservata e attorno a lei si sono stretti i genitori, i familiari e conoscenti ma anche l’intera comunità di Giardini Naxos.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su