Home / Cronaca / Nazionale / Messina, “sulla pelle di mio figlio niente è obbligatorio”: raccolta firme per la Legge sulla libertà di scelta
Messina, “sulla pelle di mio figlio niente è obbligatorio”: raccolta firme per la Legge sulla libertà di scelta

Messina, “sulla pelle di mio figlio niente è obbligatorio”: raccolta firme per la Legge sulla libertà di scelta

“Vogliamo parlare di diritti e di integrità del proprio corpo. Non si tratta di stabilire se vaccini si o vaccini no. Vogliamo uscire dal dibattito manicheista. Il TSO va avversato, tranne nei casi specifici.” – lo dice la referente di una larga schiera di genitori con bambini danneggiati dai vaccini e di chi sente forte il problema; madre di una “bambina” che – riferisce – “è in via di ripresa, dopo aver riportato importanti reazioni avverse.”

“Agiamo per conto di “VacciPiano Sicilia – Insieme possiamo.” – raccontano. Il comitato siciliano, a livello messinese, ha come referente Veronica Laghezza. “In un periodo storico in cui non esistono particolari rischi epidemiologici, la volontà di un gruppo di genitori si oppone all’imposizione dei vaccini.”

“La motivazione di questa organizzazione è legata all’emanazione della Legge Lorenzin (31 luglio2017 n°119), in merito alle vaccinazioni dell’età evolutiva da 0 a 16 anni.” – spiegano.

“Sono circa 480 e chiediamo vaccini puliti, liberi da metalli pesanti e altri agenti contaminanti; esami prevaccinali; bugiardini completi; vaccini singoli, opportunamente distanziati ed ad età adeguata; medici informati e senza premi di produzione per farmaci e vaccini e, soprattutto, medici liberi di esprimere i loro pareri.”

“Vogliamo un consenso informato reale, dove vengono chiariti tutti gli aspetti dei pro e dei contro. E, inoltre, sperimentazione preventiva dei nuovi vaccini; il rispetto della quarantena post vaccinale, come del resto riportato dai foglietti illustrativi.”

“Non vogliamo gli off-label (approvati per indicazioni terapeutiche diverse rispetto a quelle per cui vengono invece prescritti), ma chiediamo il rispetto in maniera rigorosa dei foglietti illustrativi, non superare i limiti previsti

“La Corte di Cassazione e la Corte Costituzionale dicono che il consenso informato deve essere sempre perfetto nei termini giuridici. Il medico deve illustrare gli agenti avversi. Antonio De Luca, esponente M5S all’assemblea regionale siciliana, è promotore e portavoce circa l’equa formazione del consenso informato; anamnesi, richiesta esami e quant’altro.”

“I genitori, terrorizzati dal fatto che i bambini restassero fuori dalla scuola, hanno acconsentito a 3/4 vaccini contemporaneamente. Anche per questo è stata necessario che la mozione De Luca fosse approvata in ARS. Ora dovrà essere il Governo a farla eseguire.”

Da oggi, pertanto, e sino al 2 agosto, sarà possibile depositare la propria firma presso l’Ufficio elettorale del Comune di Messina, muniti di documento di riconoscimento valido, per sostenere la proposta di Legge di iniziativa popolare ed estendere il modello Veneto di Libertà Vaccinale in tutto il territorio nazionale.

L’ufficio sarà aperto, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:30 alle 13:00; martedì e giovedì l’apertura sarà anche pomeridiana. I fuorisede saranno ammessi, presentando la tessera elettorale. Si potrà firmare in ogni Comune italiano.”

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su