Home / Politica / Comune / La Vara e i Giganti esposti tutto l’anno: Cacciotto invia nota all’amministrazione
La Vara e i Giganti esposti tutto l’anno: Cacciotto invia nota all’amministrazione

La Vara e i Giganti esposti tutto l’anno: Cacciotto invia nota all’amministrazione

Stamattina il consigliere della Terza Circoscrizione Alessandro Cacciotto, ha inoltrato al Sindaco De Luca, all’Assessore alla Cultura Trimarchi e alla Assessora al Turismo Musolino, una nota chiedendo che la Vara e i Giganti vengano esposti tutto l’anno.

In particolare scrive Cacciotto: “La nostra città vanta delle tradizioni religiose e pagane uniche; il riferimento è sia alla Vara nonché ai Giganti Mata e Grifone. Ogni anno, il mese di agosto, è caratterizzato in città da questi due eventi che indubbiamente creano entusiasmo ma anche tanta curiosità soprattutto per i turisti.

E’ del tutto evidente però che la potenzialità di queste attrazioni è ampiamente limitata: sia la Vara che i Giganti, vengono “montati” ogni anno per il classico itinerario ma poi vengono ricondotti nei loro rispettivi depositi”.

Nella passata amministrazione, si è spesso parlato di “Museo delle Macchine Votive” con i Giganti e la Vara in esposizione tutto l’anno soprattutto per i turisti; tuttavia il buon proposito è rimasto tale, non avendo neppure individuato il luogo in cui le due macchine votive dovessero trovare un’effettiva collocazione.

Secondo il consigliere, tenuto conto che è un vero peccato privare i turisti delle macchine votive messinesi che racchiudono un importante significato e valore, pur condividendo l’idea del museo, sarebbe “spettacolare” che Mata e Grifone e la Vara possano essere collocati tutto l’anno nello slargo di fronte al Palazzo Municipale, cioè in via Garibaldi in prossimità della cortina del porto.

Per “difenderle” dagli agenti atmosferici, il consigliere ritiene che la Vara e i Giganti potrebbero trovare collocazione sotto una “campana di vetro”.

Sarebbe un grande segnale per la città e per i turisti – conclude Cacciotto – si darebbe voce al nostro patrimonio culturale e di tradizioni anziché chiuderlo quasi per tutto l’anno in un “freddo” deposito.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su