Home / Società / ATM, tagli a corse e personale, i sindacati: “tante le criticità”
ATM, tagli a corse e personale, i sindacati: “tante le criticità”

ATM, tagli a corse e personale, i sindacati: “tante le criticità”

Servizio pubblico ridotto nella giornata del 16 agosto e fino alla metà di settembre, per il mancato rinnovo del rapporto di lavoro a tempo determinato di 44 autisti, in servizio da un anno, i quali non lavoreranno più, per l’appunto, dalla data in discorso.

Dal momento in cui partirà l’orario invernale, soltanto alcuni dei suddetti dipendenti verranno richiamati in servizio.

Succederà che gli autisti, che erano in numero di 189, scenderanno a circa 115 con la conseguente riduzione dei turni e delle corse.

In settimana entrante, le corse si ridurranno del 30% (attualmente ne sono garantite 1100) e 44 gli autisti fermi. Riduzioni anche degli autobus in strada, che non saranno più 60, bensì 45.

Le corse avverranno per chilometri sovvenzionati dalla Regione; non saranno più effettuate le corse ritenute superflue o non produttive e il personale verrà meglio utilizzato.

Secondo quanto disposto, sedici linee subiranno una riduzione delle corse, in particolare quelle mattutine e notturne.

Interesserà sapere che il 79, nella litoranea, passerà ogni 40 minuti e non più ogni mezz’ora; mentre verrà soppresso il 42B di Montepiselli e il 48 dell’Ignatianum.

Non saranno toccati il tram e Torri Morandi, né Acqualadrone e Briga. Tuttavia, nei giorni domenicali ci sarà una corsa ogni mezz’ora.

L’intento è di salvare l’azienda, riorganizzare i trasporti e razionalizzare i costi. Giuseppe Campagna (neo Presidente ATM) spiega: “c’è il 30% in meno di percorrenza ma non di efficienza. […] perché diverse corse che sono state soppresse non erano utilizzatissime. Quel che è importante è che nessun villaggio sia stato abbandonato.”

Poi, è previsto anche il recupero di tutti i dipendenti interni che presentano i requisiti necessari alla guida.

È stato discusso il nuovo piano aziendale con i sindacati, che si oppongono alla privatizzazione e parlano di “diritto dei cittadini a un servizio di trasporto pubblico decente e funzionale”.

Tante le criticità che sarà giudizio dell’utenza constatare, – dicono Fit CISL, Filt CGIL e Uiltrasporti – di certo, se a settembre non si rimedierà, sarà un duro colpo.”

In una nota diretta al Presidente dell’ATM e al Sindaco, Alessandro Cacciotto (Consigliere della lll Circoscrizione) una riduzione di alcune corse di autobus, che collegano i villaggi cittadini, rischia di mettere in ginocchio i quartieri e conseguentemente i cittadini, anziani soprattutto.”

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su