Home / Società / Niente “spiaggia pulita, né strade sicure”: lettera di un cittadino in vacanza
Niente “spiaggia pulita, né strade sicure”: lettera di un cittadino in vacanza

Niente “spiaggia pulita, né strade sicure”: lettera di un cittadino in vacanza

“E anche quest’anno l’estate è finita. In questi 3 mesi d’estate, le spiagge di Caucana e i loro villeggianti non hanno goduto di spiaggia pulita, né di strade sicure.” – dice il cittadino vittoriese, Giovanni Mangione.

“Parlo della strada, delle vie, delle anticaglie dove ogni sera quella strada là diventa una pista, invece che un lungomare da passeggio; dove la sera, proprio in quel punto, ci sono genitori con i loro bambini e anziani per la passeggiata serale.”

“Un Comune, quello di Santa Croce Camerina, assente per le spiagge di Caucana e i residenti; mentre è molto presente a Punta Secca. Sarà perché il Sindaco Barone ha la residenza estiva a Punta Secca?”

“E, poi, quell’episodio dove è intervenuta la Sovrintendenza per delle sculture fatte a mano libera dallo scultore comisano La Raffa; sculture che hanno dato vita a delle pietre; sculture che hanno dato un’immagine alla spiaggia di Caucana; una Sovrintendenza che cura le sue pietre ma non cura gli scavi archeologici e non cura la sicurezza dei cittadini, lasciando la recinzione senza rete di sicurezza, correndo il rischio che cada qualche bambino nel burrone.”

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su