Home / Politica / Comune / De Luca ad Accorinti: “Ai ricatti preferisco reagire, tutti a casa senza se e senza ma”
De Luca ad Accorinti: “Ai ricatti preferisco reagire, tutti a casa senza se e senza ma”

De Luca ad Accorinti: “Ai ricatti preferisco reagire, tutti a casa senza se e senza ma”

“Buon giorno! Apprendo dai giornali che non saprei fare il sindaco e che ad affermarlo sarebbe Renato Accorinti, pensate un po’! Uno che ha fatto finta di fare il sindaco per 5 anni e che ha preferito, senza una maggioranza in Consiglio comunale, di galleggiare – mi passi il termine poco istituzionale – come la merda, senza far nulla per la città.”

Io lo invito ad un incontro pubblico, in un dibattito sulle carte. Capisco che avrà bisogno di essere accompagnato dai suoi sodali, perché lui non ha idea di cosa significano i bilanci e gli intrecci con le società partecipate, perché lui si è occupato di ben altro che agire in termini amministrativi come fà un vero sindaco.”

“Io dico solamente una cosa, io non sono una persona attaccata alla poltrona e non si può permettere per storia è per quella che è la propria indole di rimanere attaccato ad una poltrona con la consapevolezza di far male all’istituzione che rappresenta.”

“Io, se non ho un Consiglio comunale pronto a sostenere l’azione di svolta, che stiamo portando avanti, non servo alla città. L’ho detto e lo ribadisco.”

“Per il resto, all’orizzonte non so cosa ci si aspetta e cosa succederà, fatto sta che il segnale, che ho avuto finita dal Consiglio Comunale, mi inquieta perché siamo solo all’inizio di percorso un molto articolato e ambizioso, che ho sottoposto all’attenzione della comunità e che è stato votato.”

“E io, da quel programma, soprattutto sui tempi (perché sono fondamentali i tempi), non posso assolutamente derogare.”

“Di conseguenza, rimane ferma la mia posizione e, nei prossimi giorni, cercheremo di capire se ci sono le condizioni affinché questo consiglio comunale non possa ricattare il sindaco della città di messina.”

“Diversamente, tutti a casa, senza se e senza ma. P.S. Renatuccio, salutami il buon De Cola.”

OMei8XcIsgUlFfXQ(f!yUWO$

Lascia un commento

Torna su