Home / Società / Scuola Mazzini-Gallo: lavori appaltati ma tutto fermo, interviene Gioveni
Scuola Mazzini-Gallo: lavori appaltati ma tutto fermo, interviene Gioveni

Scuola Mazzini-Gallo: lavori appaltati ma tutto fermo, interviene Gioveni

“Se anche l’ordinanza di chiusura delle scuole del sindaco De Luca dovesse essere totalmente revocata con la riapertura di tutte le scuole, ci sono dei plessi, come quello che ospita la “Mazzini Gallo”, che rischia di non aprire comunque in tempo a causa del lassismo di qualche soggetto preposto” Il consigliere comunale Libero Gioveni stigmatizza l’inerzia del Dipartimento edilizia scolastica a dare il via ai lavori già appaltati per il ripristino degli intonaci del tetto della scuola “Mazzini Gallo”, il cui crollo aveva preoccupato tantissimo i genitori dei piccoli alunni delle elementari e medie.

“Il sindaco De Luca vuole dettare i tempi al Consiglio Comunale per l’approvazione delle delibere? Bene – commenta Gioveni – ma farebbe bene a pensare di dettare i tempi anche negli uffici visto che già da diversi giorni la gara per i lavori alla “Mazzini Gallo” è stata appaltata, ma ancora la ditta aggiudicataria non ha prodotto i documenti necessari per avviare gli interventi, nonostante la diffida ricevuta. E allora cosa si aspetta a chiamare in causa la seconda ditta aggiudicataria?”

Secondo il consigliere, bisognerebbe rimuovere il Dirigente Ajello che, in tema di scuole, ha fatto acqua da tutte le parti: “Basti ricordare – scrive ancora Gioveni – i periodi di gelo vissuti dai piccoli alunni per la mancata verifica degli impianti di riscaldamento, le ordinanze di chiusura sbagliate e, dulcis in fundo, la perdita dei 115 milioni di euro totali dei fondi FESR da cui attingere per la mancata presentazione dei progetti”. 

E’ dunque bene pensare ad iniziare i lavori alla “Mazzini Gallo”, “perchè – conclude il consigliere – se si riesce a sistemare quanto meno il piano inferiore che ospita le elementari, si potrebbero iniziare le lezioni, ordinanza permettendo, con i doppi turni, che di questi tempi sarebbe già una conquista”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su