Breaking News
Home / Cultura / I Ragazzi Speciali di Olivarella ospiti a Villa Vaccarino
I Ragazzi Speciali di Olivarella ospiti a Villa Vaccarino

I Ragazzi Speciali di Olivarella ospiti a Villa Vaccarino

Villa Vaccarino sarà la “location verde milazzese” che, domenica 16 Settembre, ospiterà i Ragazzi Speciali dell’Oratorio Giovanni Paolo II di Olivarella, per la presentazione del loro secondo disco, La vita è una danza, realizzato lo scorso aprile dal gruppo.

La vita è una danza prende il nome da una canzone che ha spopolato il web con 2milioni e mezzo di visualizzazioni su facebook, 61 mila condivisioni e circa 25 mila reazioni al post.

Il CD è stato realizzato nel mese di agosto grazie alla collaborazione con Marilisa Bertè, cantante, e Fabio Centorrino della MusicLab. La vita è una danza è cantata da tutti i Ragazzi Speciali e, ci sono, inoltre, altri 3 brani: – Meraviglioso, Il gatto è la volpe, 50 Special –. Sarà presente all’evento il piccolo Guglielmo, che canterà una delle tre Cover del CD 50 Special.

Ecco cosa bolliva in pentola: l’uscita del loro CD – dice Maria Grazia Celi, coordinatrice gruppo LabO, Oratorio dei Ragazzi Speciali dell’Oratorio Giovanni Paolo II di Olivarella, ma anche catechista e animatrice del gruppo dei genitori – caratteristica che accomuna questi ragazzi: la tenacia di portare avanti i loro sogni fino ad arrivare all’obiettivo finale, senza mollare mai, nonostante le inevitabili crisi e le difficoltà che si incontrano lungo il cammino.

Stare insieme a loro – aggiunge – aiuta a riflettere sulla propria vita e a dimenticare velocemente quelli che prima sembravano degli enormi problemi. Dedicare il proprio tempo per una causa alla quale si tiene particolarmente, dona un senso di arricchimento interiore. In fondo, per essere felici, basta poco: è sufficiente la compagnia delle persone giuste, quelle capaci di dividere con te tutti i colori della vita. Questo sono loro…semplicemente dei ragazzi fantastici con alle spalle famiglie meravigliose, perchè il nostro gruppo, oltre ai ragazzi, abbraccia anche i loro genitori.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su