Home / Cronaca / Brolo: investe donna e fugge. Rintracciato dai carabinieri
Brolo: investe donna e fugge. Rintracciato dai carabinieri

Brolo: investe donna e fugge. Rintracciato dai carabinieri

I carabinieri della Stazione di Brolo hanno arrestato in flagranza di reato di lesioni personali stradali gravissime aggravate dalla fuga del conducente, un uomo di 39 anni originario di Brolo.

L’intervento è stato eseguito a seguito di un episodio avvenuto alla 23:30 circa di ieri quando, sul lungomare “Luigi Rizzo”, un’auto ha investito una donna 31 enne del luogo che stava camminando sul ciglio della strada, dandosi alla fuga.

Intervenuti sul posto, a seguito di chiamata sull’utenza 112, i carabinieri hanno eseguito i rilievi del caso ricostruendo la dinamica dell’incidente, grazie alla testimonianza di alcune persone che avevano assistito ai fatti indicando il modello dell’auto pirata, una Nissan Quashqai, senza però riuscire a leggere la targa del mezzo.

Nel frattempo la 31enne investita, veniva trasportata in eliambulanza presso il Policlinico Universitario “G. Martino” di Messina, dove è stata ricoverata in prognosi riservata per politrauma da investimento.

Sulla base degli indizi raccolti nell’immediatezza, i militari dell’Arma hanno diramato le ricerche dell’auto pirata alle pattuglie operanti sul territorio.

Ritenendo che l’investitore potesse identificarsi in un residente del posto, i carabinieri della Stazione di Brolo hanno quindi proceduto al controllo di tutti i possessori di auto corrispondenti a quella segnalata individuando in questo modo l’investitore che dopo l’incidente aveva fatto rientro presso la sua abitazione.

Gli accertamenti esperiti sul mezzo consentivano di riscontrare la presenza di segni dell’incidente e quindi l’uomo è stato arrestato in quanto risultava alla guida del mezzo in stato di ebbrezza alcolica come accertato dai sanitari dell’ospedale di Patti.

Su disposizione della Procura della Repubblica di Patti (ME) l’uomo è stato tradotto agli arresti domiciliari.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su