Home / Cultura / Arte e Libri / Addio a Inge Feltrinelli: icona dell’editoria nazionale e internazionale
Addio a Inge Feltrinelli: icona dell’editoria nazionale e internazionale

Addio a Inge Feltrinelli: icona dell’editoria nazionale e internazionale

È scomparsa a Milano, all’età di 87 anni, la vulcanica Inge Schonthal Feltrinelli. Una vita circondata da libri, librai, editori, scrittori lettori. Presidente della casa editrice Giangiacomo Feltrinelli, tutto il Novecento letterario, politico, sociale italiano ed europeo, ha conosciuto l’intraprendente Inge.

Nata in Germania il 24 novembre 1930, figlia di padre ebreo e madre protestante, intraprese ad Amburgo la carriera di fotoreporter e giornalista. Tra le sue foto più note, quelle ad Ernest Hemingway, Pablo Picasso. La brillante fotoreporter d’assalto andò, anche, all’Avana, dove scattò una foto di Fidel Castro “in pigiama”.

Non credo esistano altre fotografie del leader in pigiama – raccontava Inge Feltrinelli, nell’ultima intervista concessa alla Repubblica – andavo da lui, in compagnia di mio marito, la mattina presto ed era ancora con la sua giacca da camera -.

Nel 1958 conobbe Giangiacomo Feltrinelli che sposò due anni dopo. Dopo la scomparsa del marito, nel 1972, fece ingresso nel mondo dell’editoria, diventandone “regina” . Una vita immersa nel mondo dei libri, a difesa dell’indipendenza e dell’autonomia, della cultura e, del pensiero libero.Vera protagonista della vita culturale e sociale della città di Milano, era amata e stimata dall’intera comunità.

Curiosa di temi e dotata di una intima allegria, ci ha dato – ricorda Giuseppe Scala, sindaco di Milano, in un post sulla pagina Facebook– anche molto assicurandoci una continua vita culturale aperta al mondo. A me mancherà molto – conclude il Sindaco – ci legava una profonda stima ma, soprattutto, un grande affetto. 

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su