Home / Società / Lillo Valvieri ai messinesi: “Puliamo la strada per i nostri bimbi”
Lillo Valvieri ai messinesi: “Puliamo la strada per i nostri bimbi”

Lillo Valvieri ai messinesi: “Puliamo la strada per i nostri bimbi”

Un invito accorato, quello rivolto alla cittadinanza messinese dal presidente dell’associazione “Le Vetrine di via Garibaldi”, Lillo Valvieri.

Domenica 7 ottobre alle ore 10:00, appuntamento di fronte all’Istituto comprensivo “Pascoli Crispi” per una pulizia straordinaria della zona.

“Abbiamo creato questo evento, presente anche su Facebook, per donare ancora una volta decoro e pulizia ad una strada, frequentata tutti i giorni dai nostri figli, che ormai da diverso tempo versa in uno stato di trascuratezza.”

“Vorremmo che gli addetti ai lavori prestassero maggiore attenzione – dice Valvieri – allo stato in cui versa la zona, di certo non l’unica trascurata nella nostra città”.

“Recuperare il senso civico è importante per i grandi, che devono dare il buon esempio, – spiega – ma è fondamentale per i piccoli, che saranno i messinesi di domani e che dovranno proteggere e rispettare questa città come non abbiamo saputo fare noi adulti.”

“Cominciamo da via Monsignor D’Arrigo – esorta – e dal fare spontaneamente tutto ciò che è nelle nostre possibilità per contribuire a migliorare le strade. In modo spontaneo e gratuito impiegando il nostro tempo libero per la comunità. Questo può essere considerato come un punto di partenza per eventi che abbiamo intenzione di annunciare a breve anche con l’associazione “Le Vetrine di via Garibaldi”.

“Sappiamo che esistono alcune associazioni che operano a Messina per il recupero di intere zone del Centro, da troppi anni ormai in balia di se stesse.”

“Speriamo – auspica Valvieri – che eventi come questo possano servire anche per creare rete anche con queste associazioni e, se possibile, ampliarle solo per il bene della cittadinanza messinese.”

Il presidente Valvieri, rinnovando l’invito, dice: “Aspettiamo numerosi tutti i cittadini e chiunque avrà voglia di ripulire Messina.”

Lascia un commento

Torna su