Home / Cultura / Settimana del Pianeta Terra: gli eventi nel messinese
Settimana del Pianeta Terra: gli eventi nel messinese

Settimana del Pianeta Terra: gli eventi nel messinese

La Settimana del Pianeta Terra, giunta alla sua sesta edizione, si propone di far appassionare i giovani alla Scienza, alle Geoscienze in particolare, e di trasmettere l’entusiasmo per la ricerca e la scoperta scientifica. Far conoscere le possibilità che la scienza ci offre per migliorare qualità della vita e sicurezza, investendo su ambiente, energia, clima, alimentazione, salute, risorse e riduzione dei rischi naturali.

In occasione di questa iniziativa, venerdì 19 ottobre si terrà una conferenza presso il Royal Palace Hotel dal titolo “Messina…un laboratorio naturale per lo studio del Mediterraneo”. Successivamente, sabato 20, alle ore 10, è invece in programma la visita all’Istituto Talassografico (CNR), nella zona falcata di San Raineri.
Qui verrà inoltre ripetuta la conferenza di sabato 19 per consentire una più semplice partecipazione da parte degli studenti interessati a cui sarà però richiesta un’iscrizione, gratuita, da effettuare entro domani, giovedì 18.

I relatori saranno il Geol. Enrico Curcuruto e il biologo Mauro Cavallaro che illustreranno, con l’ausilio di immagini e con la loro esperienza nei rispettivi settori di studio, gli straordinari caratteri fisiografici e geomorfologici dello Stretto di Messina, dalle sponde dello Stretto fino alle profondità abissali, passando dalla mitologia ai pesci fossili recuperati nell’entroterra siciliano.

La serata del 19 Ottobre si concluderà con la firma di una lettera di intenti finalizzata alla successiva stesura di un protocollo di intesa tra il Museo Mineralogico – Paleontologico e della Zolfara di Caltanissetta, Mottura, ed il Museo della Fauna dell’Università degli Studi di Messina. L’intento è quello di sviluppare una collaborazione per le ricerche in campo museale mineralogico, petrografico, paleontologico e zoologico al fine di promuovere la ricerca.

 

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su