Home / Società / Sanità / Bambino colpito da meningite ricoverato a Catania
Bambino colpito da meningite ricoverato a Catania

Bambino colpito da meningite ricoverato a Catania

E’ stato accertato un caso di meningite nella zona Tirrenica: colpito un bambino di 5 anni ora ricoverato all’ospedale Garibaldi Nesima di Catania.

Il bambino frequenta la scuola materna comunale di Piazza Annunziatella a Brolo ed è proprio li che ha accusato i primi sintomi trasformatosi subito in febbre altissima. Immediato è stato l’intervento da parte del corpo docente che ha avvisato la madre. Dopo un controllo dal medico di famiglia – che ha subito chiarito che non si trattava di una banale influenza – il bambino è stato ricoverato all’ospedale di Patti e successivamente, visto le gravi condizioni in cui versava ed il continuo peggioramento è stato trasferito con l’elisoccorso a Catania.

Pur essendo regolarmente vaccinato il bambino è stato colpito da un ceppo raro e pericoloso di meningite il “Nisseria meningite, ceppo B” e sfortunatamente per esso non esiste ancora vaccino. Sono stati subito visitati anche i due fratelli del piccolo, il più grande non riscontra alcun tipo di sintomo, invece, il più piccolo, di soli 18 mesi, è tenuto sotto osservazione all’ospedale di Patti data la presenta di uno stato febbrile.

Secondo gli ultimi aggiornamenti il piccolo paziente non presenta alcun danno cerebrale e nessuna emorragia e sembra stia reagendo bene alle cure anche se ancora si trova in coma farmacologico presso il reparto di rianimazione infantile dell’ospedale di Catania, in isolamento.

Intanto il comune di Brolo si è attivato per la messa in atto della profilassi. Il sindaco, i dottori e gli insegnati continuano a parlare con la popolazione consigliando loro di evitare inutili allarmismi e per questo ieri, nel plesso delle scuole medie comunali, si è tenuto un incontro con il personale medico dell’ASP per spiegare ai cittadini come reagire e come comportarsi in casi come questi ed evitare dunque l’accrescersi di psicosi.

Va. Ni.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su