Home / Cultura / San Pier Niceto: “Scuola antichi mestieri” e la figura del “Mastro bottaio”
San Pier Niceto: “Scuola antichi mestieri” e la figura del “Mastro bottaio”

San Pier Niceto: “Scuola antichi mestieri” e la figura del “Mastro bottaio”

Promuovere ed attualizzare le tradizioni e gli antichi mestieri, con l’intento di tramandare quel patrimonio di culture e conoscenze, a San Pier Niceto è realtà. Grazie al finanziamento ottenuto dal dipartimento regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, è, infatti, attiva all’interno del centro diurno, la prima Scuola degli antichi mestieri del Mastro bottaio.

Il progetto è stato curato dall’assessore Avv. Francesco Certo e dall’esperto Peppe Maione, con il supporto degli esperti Salvo Presti e Giovanni Mangano. Il piano delle attività in programma prevede dei seminari sia didattici che laboratori di carattere pratico ed applicativo.

L’obiettivo della scuola è fornire ai giovani un’adeguata consapevolezza sulle opportunità che il mestiere del mastro bottaio può svolgere per un nuovo e dinamico sviluppo del territorio. La bottega diventa un contenitore di professionalità e valori che il maestro tramanda al suo allievo.

Un mestiere antichissimo, che affonda le sue radici già nell’antico mondo egiziano, per consegnarsi in seguito all’arte figurativa bizantina, quando, dal semplice pezzo di legno, si è giunti al fascio di doghe per la conservazione del vino.

Lo scopo della scuola è “lasciare in eredità” il processo di produzione delle botti, un mestiere in via di estinzione e di attrarre i giovani alla conoscenza di un’arte tanto antica ed affascinante tramandata per secoli da padre in figlio, quanto proiettata al futuro.

Alcuni esemplari di antichi attrezzi da lavoro usati dal Bottaio sono custoditi presso il Museo I. C. A. N. – Itinerario Culturale Archeologico e Naturalistico – Domenico Ruolo di Milazzo.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su