Home / Società / Scuole e viabilità: la sicurezza è un optional a Larderia
Scuole e viabilità: la sicurezza è un optional a Larderia

Scuole e viabilità: la sicurezza è un optional a Larderia

Tanto si è parlato di scuola, da quando il sindaco Cateno de Luca si è insediato sullo scranno di Palazzo Zanca. Le molte criticità dei plessi scolastici della città hanno portato a uno slittamento dell’inizio delle lezioni, in attesa di opere di consolidamento e di autorizzazioni.

scuola

Le autorizzazioni sembrano essere state risolte, mentre continuano a persistere i problemi di consolidamento delle strutture scolastiche e la messa in sicurezza delle stesse, sia dentro sia fuori dell’edificio.

scuola

Il plesso di salita Larderia – facente capo all’Istituto comprensivo Gaetano Martino – è lo specchio di un problema ancora lontano dalla risoluzione. All’interno la mancanza di riscaldamento hanno portato i bambini ad assistere alle lezioni con giubbotti, guanti e cappelli. Un modo alquanto bizzarro di stare in classe. Le mancanze di una amministrazione assente, però, si riscontrano all’esterno del plesso.

strada statale

La cartellonistica – quando c’è – è messa in maniera errata: cartelli posizionati nel lato sbagliato della strada, oscurati da pali dell’illuminazione o da alberi. Per non parlare delle strisce pedonali, sbiadite sia in corrispondenza del semaforo di Larderia sia di quello della più trafficata Strada statale 114. Per quest’ultima ci sarebbe un metodo per bypassare il pericoloso attraversamento pedonale: il tunnel sotto il livello stradale. Fango, sporcizia e incuria rendono, però, il tunnel impraticabile.

scuola

Più volte in questi mesi i genitori degli studenti hanno chiesto migliorie, sopratutto per la sicurezza stradale. Sorda a ogni tipo di appello l’amministrazione comunale ha sempre fatto orecchie da mercante, come se la sicurezza dei bambini venisse dopo le mille vicissitudini a cui la Giunta comunale deve far fronte. I genitori possono solo augurarsi in un cambiamento delle priorità comunali, con i bambini messi in cima alla lista.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su