Home / Cronaca / A tavola con gusto: un viaggio alla scoperta delle “chiacchiere di carnevale” fatte in casa
A tavola con gusto: un viaggio alla scoperta delle “chiacchiere di carnevale” fatte in casa

A tavola con gusto: un viaggio alla scoperta delle “chiacchiere di carnevale” fatte in casa

Carnevale è una delle espressioni più autentiche della tradizione popolare del nostro Paese con centinaia di celebrazioni in tutta Italia. È la festa del popolo, luogo di risate, dello scherzo, dell’abbondanza e della maschera per uscire dalla banalità del quotidiano.

Un evento in cui, non solo i bambini ma anche gli adulti, si divertono, lasciandosi andare alla leggerezza della festa e al piacere di trascorrere del tempo con i propri figli. Un Carnevale di scherzi e di prelibatezze dolciarie, dove primeggiano nelle nostre tavole le gustose “chiacchiere di carnevale”. Il nome “chiacchiere” allude alla semplicità della loro preparazione: potevano esser preparate, infatti, velocemente e con pochissimi ingredienti proprio come le “chiacchiere” tra gli amici.

Oggi vi proponiamo la versione messinese di una ricetta che si tramanda da secoli e il cui sapore è per tutti familiare.
Con un impasto di sola farina, gradite con semplice zucchero a velo o crema e marmellata di stagione oppure ricoperte di cioccolato fondente.

Ingredienti per quattro persone

250 gr di farina 00
3 gr Lievito per dolci
60 gr di zucchero
35 gr di burro
2 cucchiai di Marsala (o altro liquore a scelta)
un pizzico di sale
2 uova
olio di semi di mais per friggere
zucchero a velo (o cioccolato fondente)
scorza di limone
farina “00” per lavore

Preparazione

Versare la farina su di una spianatoia, aggiungere lo zucchero, le uova, il lievito per dolci e cominciare ad amalgamare l’impasto. Aggiungere la scorza di limone, il burro precedentemente sciolto un pizzico di sale e due cucchiai di marsala o altro liquore a scelta (rum, strega…) . Raggiungere la giusta consistenza aggiungendo eventualmente altra farina, per ottenere un impasto facile nella lavorazione, che non risulti appiccicoso. Lavorare l’impasto fino a farlo diventare omogeneo e lasciarlo riposare coperto con un canovaccio per un’ora circa.

Trascorso il tempo indicato tirare la sfoglia con un mattarello, precedentemente infarinato, fino a che diventa sottile. Con una rotella dentellata ricavare delle strisce. Fare scaldare l’olio di semi in una padella o tegame con i bordi alti e cominciate a friggere le chiacchiere. Quando saranno ben dorate da entrambi i lati tirarle fuori dall’olio e riporle su un vassoio foderato da carta assorbente così da eliminare l’olio in eccesso. A questo punto spolverare con lo zucchero a velo.

Le chiacchiere di carnevale sono ottime da gustare sia calde che fredde, aggiungendo a piacere anche del cioccolato fondente fuso – si usa a Messina -. Quelle che avanzeranno devono essere conservate in un contenitore a chiusura ermetica o comunque lontano da fonti di umidità.

Lascia un commento

Torna su