Home / Società / “Come eri vestita?”: a Capo d’Orlando la mostra che racconta le donne
“Come eri vestita?”:  a Capo d’Orlando la mostra che racconta le donne

“Come eri vestita?”: a Capo d’Orlando la mostra che racconta le donne

Si inaugura oggi 8 marzo, in occasione della festa dedicata alle donne, “Com’eri vestita?” una mostra di abiti, indumenti del quotidiano che tutte le donne indossano o tengono nei propri guardaroba. Ogni abito racconta una storia vera di violenza subita, racconta di una donna, dei suoi sogni, dei suoi progetti ma anche del suo dolore.

Il centro AntiViolenza Pink Project porta per la prima volta in Sicilia il progetto nato nel Midwest degli Stati Uniti d’America, con la volontà e l’impegno di promuoverla e continuare a farla viaggiare su tutto il territorio siculo mantenendo lo scopo principale del progetto: suscitare delle reazioni all’interno dello spazio della mostra, inducendo così i visitatori a riflettere, pensare e meditare. “What Were You Wearing?” è una mostra promossa per la prima volta nel Kansas esposta per la prima volta nel 2013 ed ispirata al poema di Mary Simmerling. Giunge in Italia grazie all’impegno e alla volontà dell’Associazione Libere Sinergie, che ha contestualizzato il progetto alla realtà italiana e collocato in più di 40 diversi posti.

Finalità – “Com’eri vestita?” è la domanda che più frequentemente viene posta alle vittime di violenza ed è proprio su questa che si fonda l’iniziativa, diventata poi progetto itinerante nel quale attraverso un’istallazione si possono ripercorrere storie di violenza raccolte dai diversi collaboratori e collaboratrici presenti nei vari centri di antiviolenza a sostegno di tutte le vittime. La mostra vuole rendere visibili e tangibili gli stereotipi ed attivare una riflessione verso la consapevolezza che la colpa della violenza ricade solo sul suo autore. Le storie raccontate sono state tradotte in quattro lingue – italiano, inglese, spagnolo e francese – con l’intento di rivolgere a un’ampia platea un messaggio che deve essere chiaro: “La violenza sessuale non è colpa delle vittime, qualunque cosa indossino”. La mostra è fruibile anche dai non vedenti, attraverso un QRcode per tutti i testi.

Patrocini – La manifestazione ha ricevuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Dipartimento delle Pari Opportunità del consiglio dei Ministri e si inaugura per la prima volta in Sicilia con i Patrocini della Regione Siciliana – Dipartimento della Famiglia delle Politiche Sociali e del Lavoro, della Consigliera Nazionale di Parità, dell’Università degli studi di Messina, del Comune di Capo d’Orlando ed il Patrocinio e il contributo dell’ARS.

Va. Ni.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su