Home / Cultura / A tavola con gusto: “Sfinci di riso alla messinese”, una delizia locale
A tavola con gusto: “Sfinci di riso alla messinese”, una delizia locale

A tavola con gusto: “Sfinci di riso alla messinese”, una delizia locale

Deliziose frittelle che assumono il nome anche di sfinci a Messina, un dolce tipico dolce dell’area dello Stretto, preparato il 19 marzo, in occasione del giorno di San Giuseppe, nonché della festa del papà.

Sfinci, dal latino spongia, spugna, o dalla lingua araba “isfang”, è una morbida frittella di forma non regolare evoluzione di un impasto di grano e acqua fritto in olio, arricchita e impreziosita da ingredienti tipici dell’isola come ricotta, canditi di scorza di agrumi e granella di pistacchio.

Velocissime e facilissime da preparare vi conquisteranno al primo morso. Ecco come preparare questa golosità nelle vostre case.
Ingredienti:
400 gr di riso per risotto
1 litro di latte intero
5 cucchiai di zucchero
200 gr di farina 00 (più quella per infarinare)
una bustina di lievito vanigliato
La scorza di un’arancia
2 pizzichi di cannella in polvere q. b.
un pizzico di sale
Zucchero per decorare e olio di semi di girasole per friggere.

Preparazione:
In un tegame antiaderente versare il latte, il riso e un pizzico di sale, quindi aggiungere la scorza d’arancia tagliata col pelapatate (assicuratevi che non vi sia la parte bianca che è amara) e la cannella in polvere.

Porre sul fuoco a fiamma bassa per circa 30 minuti e lasciare che il riso assorba tutto il latte. A cottura ultimata, rimuovere la scorza d’arancia e aggiungere gli altri ingredienti – zucchero, lievito e farina setacciata – avendo cura di mescolare per bene.

Stendere l’impasto su un ampio vassoio o una teglia larga per consentire un rapido raffreddamento. A raffreddamento avvenuto, con le mani umide, preparare una scodella infarinata, dove far rotolare il riso compattato con la forma di polpettine che andremo ad infarinare.

Friggere in olio ben caldo, fino ad ottenere la doratura desiderata. Scolare le sfinci su carta assorbente e rotolarle nello zucchero semolato o nel miele (in uso a Catania). Sistematele su un piatto da portata e servitele subito.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su