Home / Società / L’Istituto Mazzini-Gallo verrà ristrutturato: firmato oggi il contratto
L’Istituto Mazzini-Gallo verrà ristrutturato: firmato oggi il contratto

L’Istituto Mazzini-Gallo verrà ristrutturato: firmato oggi il contratto

L’adeguamento alle norme vigenti dell’Istituto Comprensivo Mazzini-Gallo è stato riconosciuto e sancito, oggi, a Palazzo Zanca, con la firmabdel contratto: 1° lotto – 1° stralcio funzionale – ristrutturazione dei prospetti. Presente il vicesindaco, e assessore ai Lavori Pubblici, Salvatore Mondello.

All’incontro hanno partecipato il RUP, Rosa Antonuccio del Dipartimento Manutenzione Immobili; il direttore dei lavori, Giovanni Rizzo, insieme all’ing.Sebastiano D’Andrea; il coordinatore della sicurezza, Antonio Rizzo, e i rappresentanti dell’impresa Di Maria Costruzioni SRL.

I lavori inizieranno il prossimo giovedì, 2 maggio, e dureranno 242 giorni. L’importo stanziato è di 1.420.800 euro.

“L’Amministrazione del fare. Come più volte dichiarato, è piena intenzione – ha evidenziato il Vicesindaco – andare avanti con fatti concreti. Relativamente alla scuola Mazzini-Gallo si trattava di una promessa fatta alla dirigente scolastica, Maria Ausilia Di Benedetto, e che oggi è stata mantenuta.”

“Con l’avvio dei lavori – spiega – si apre un ulteriore cantiere atto a mettere in essere tutta una serie di azioni concrete che possono far rivedere in chiave sicuramente futuristica e migliore la visione della città di Messina.”

“È bene ricordare – sottolinea – che l’apice del meccanismo delle ordinanze di chiusura delle scuole fu proprio l’istituto comprensivo Mazzini-Gallo. In quella sede, il sindaco Cateno De Luca e il sottoscritto si impegnarono di mettere in atto tutte le azioni necessarie alla realizzazione degli interventi di manutenzione straordinaria.”

“Oggi si avvia un ennesimo processo di recupero in termini di sicurezza e di fruibilità di una delle 108 scuole messinesi – conclude Mondello – e di questo non possiamo che gioirne ed esserne orgogliosamente fieri”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su