Home / Cultura / Arte e Libri / Il 1° “Art Day” a Messina: la Garibaldi come “via dell’Arte e della Bellezza”
Il 1° “Art Day” a Messina: la Garibaldi come “via dell’Arte e della Bellezza”

Il 1° “Art Day” a Messina: la Garibaldi come “via dell’Arte e della Bellezza”

Sbarcherà, nella città dello Stretto, il primo Art Day. L’evento è organizzato dall’associazione “Le Vetrine di via Garibaldi” in collaborazione con il Liceo artistico “Ernesto Basile” e l’Art Gallery di Fadibè.

Sabato 25 maggio, per un’intera giornata tutti i docenti e gli allievi del “Basile” si cimenteranno nel mettere in evidenza le bellezze paesaggistiche ed urbane: negozi, edifici storici e aree di verde pubblico che caratterizzano la via Garibaldi, da Piazza Cairoli a Piazza Castronovo.

Ragazzi ed insegnanti valorizzeranno la via Garibaldi attraverso l’arte (pittura, scultura, performance ed installazioni). Obiettivo: realizzare piazzette tematiche nell’intento di far risaltare la bellezza del tratto cittadino che, nel corso degli ultimi mesi, vive una forte sofferenza.

“L’idea alla base della manifestazione – spiegano “Le Vetrine” – è quella di un museo a cielo aperto che possa attrarre in via Garibaldi i 300mila croceristi che sbarcano ogni anno a Messina, ma soprattutto un museo a cielo aperto che possa permettere alla cittadinanza di riappropriarsi di una delle via storiche e più importanti di tutta la città.”

“L’arte – secondo “Le Vetrine di via Garibaldi” – è motore di sensibilità; incontro culturale ed educativo nello stile sociale; estetica del bello; possesso di un bene da condividere con l’intera città.”

Un passo importante compiuto dall’associazione per realizzare una “via dell’Arte e della Bellezza”. “Un obiettivo – dicono – da rivendicare non solo il prossimo 25 maggio ma ogni giorno dell’anno.”

Secondo la stima di professionisti locali, chiamati in causa dall’associazione, il progetto “via dell’Arte e della Bellezza” si aggirerebbe intorno ai 150mila euro.

Un ringraziamento viene rivolto al dirigente scolastico del Liceo “Ernesto Basile”, la Prof.ssa Giuseppina Prestipino, al Prof.Fabio Di Bella e a tutti gli studenti partecipanti.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su