Home / Cultura / “Vintage mon amour”: il 5 maggio sfilata solidale a sostegno degli studenti stranieri dell’istituto Antonello
“Vintage mon amour”: il 5 maggio sfilata solidale a sostegno degli studenti stranieri dell’istituto Antonello

“Vintage mon amour”: il 5 maggio sfilata solidale a sostegno degli studenti stranieri dell’istituto Antonello

Souarè ha 18 anni ed è uno degli studenti dell’istituto alberghiero Antonello che sogna di diventare uno chef. Ma, perché no, anche scrittore.

Detta così, sembrerebbe una storia normale, quella di tanti aspiranti cuochi, ormai le nuove star del momento. Invece Souarè viene dal Senegal, è arrivato in Italia due anni fa su un barcone e il suo primo sogno, pensando al nostro paese, non è stato quello di poggiare i piedi su una cucina, ma a terra, sano e salvo. Souarè oggi è sereno e non lo nasconde. Lo chiamano il ragazzo con la camicia per la sua innata eleganza. Ma ha vissuto anni difficili e li racconta con fatica. Neanche nel suo racconto, “Lacrime di tristezza”, c’è spazio per i giorni e tutte le violenze subite in un carcere libico. Troppo dolore per essere raccontato.

Souarè, che ora sogna di imparare bene l’inglese, è uno dei ragazzi a cui sarà conferita una borsa di studio nell’ambito dell’iniziativa “Vintage mon amour”, sfilata solidale fortemente voluta da Lion e Leo Club Host a sostegno degli studenti stranieri dell’istituto Antonello con la regia di Vincenzo Tripodo. Un evento che ha chiamato a raccolta tante donne di buona volontà, professioniste della passerella e non, che sfileranno il 5 maggio, a partire dalle ore 18, alla Fondazione Albatros di viale Giostra con un messaggio preciso: si può costruire una nuova vita.

Per Souarè, ma anche per Mamadou che viene dalla Guinea, fa l’apprendista in un bar per mandare i soldi alla sorellina e vuole diventare avvocato; per Saliou che arriva dal Senegal dopo essere passato dall’inferno libico e a Messina ha trovato la famiglia Artino che lo ha accolto come il loro quinto figlio; ma anche per Dennis che dopo aver pregato nella nave in avaria in mezzo al Mediterraneo, oggi gioca nella under 16 della rappresentativa regionale di rugby con la CLC Messina.

Li incontreremo Souarè, Mamadou, Saliou e Dennis il 5 maggio per la consegna delle borse di studio finalizzate a supportare la scuola Antonello che grazie ad alcuni docenti come la professoressa Fatima Trimarchi e la dirigente Maria Muscherà da anni ha scelto di dare un dinamico impulso all’integrazione tra gli studenti più fortunati e quelli più disagiati.

A condurre la serata, in cui si alterneranno momenti di musica grazie alla collaborazione di Claudio Saccà, sarà Daniela Conti che ha generosamente accettato di portare la sua ironia e intelligenza per  testimoniare un cambiamento possibile.

Il momento della consegna vuole essere infatti un’occasione in più per riflettere su quanto sia importante puntare i riflettori senza pregiudizi, sui traguardi degni di lode ottenuti grazie, soltanto, alle personali attitudini, alla pervicace determinazione e al perseverante impegno.

Non a caso a consegnare le borse di studio saranno tre ospiti d’eccezione che testimoniano con il loro quotidiano impegno etico e civile che una Italia gentile esiste: il mecenate di Fiumara d’arte Antonio Presti, l’illustratore messinese di fama internazionale Lelio Bonaccorso e Paolo Galletta, unico italiano premiato dal Lesnculture Portrait Awards 2019, l’oscar per i direttori della fotografia.

Spazio anche per la musica con la band Right Team composto da Debora Portera (voce), Aldolfo Crisafulli (chitarra), Gerardo Ragonese (tastiere), Matteo Venuto (batteria) che proporranno brani che spaziano dal pop, R&B, dance degli anni 70/80 e contemporanei. Ma soprattutto ci sarà spazio per loro, le nostre modelle di diverse nazionalità: italiane, russe, rumene, croate, venezuelane, senegalesi perché l’evento tutto è pensato in un’ottica di interscambio e integrazione multiculturale.

Il ricavato della serata, verrà interamente destinato a Borse di studio per gli studenti dell’Istituto d’Istruzione Secondaria “Antonello” che a fine serata offrirà un light dinner a tutti i partecipanti.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su