Home / Meteo e Ambiente / Ambiente / Raccolta differenziata: giro di vite contro gli amministratori ritardatari
Raccolta differenziata: giro di vite contro gli amministratori ritardatari

Raccolta differenziata: giro di vite contro gli amministratori ritardatari

Come disposto dall’ordinanza sindacale dello scorso 23 aprile, l’assessorato all’Ambiente e Rifiuti ha invitato tutti gli amministratori di condominio che non abbiano già provveduto, a dare attuazione al suddetto provvedimento entro il termine di 5 giorni da oggi, venerdì 7, come da avviso pubblicato sul sito istituzionale del Comune.

Nello specifico, l’ordinanza sindacale in questione (la n.122) obbliga tutti gli amministratori dei condomini che operano nel territorio comunale a “comunicare al Comune di Messina – dipartimento Entrate Tributarie i dati dell’anagrafe condominiale; ad apporre, in area condominiale comodamente visibile anche dall’esterno, una targa recante l’indicazione del nome e cognome dell’amministratore del condominio, l’indirizzo delle sede o ufficio dove vengono svolte le attività di amministratore ed i numeri di telefono e fax di riferimento, curando di inserire anche un recapito telefonico di pronta reperibilità dell’amministratore per i casi d’urgenza”.

Alla scadenza del termine di 5 giorni di cui sopra, dunque, la Polizia Municipale procederà alla contestazione della violazione nei confronti dei trasgressori ai quali non potranno essere consegnate le attrezzature necessarie per avviare il servizio di raccolta differenziata per le utenze condominiali.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su