Home / Politica / Comune / Cappuccini, alta tensione tra Comune e Waterpolo, De Luca: “Revocheremo la concessione”
Cappuccini, alta tensione tra Comune e Waterpolo, De Luca: “Revocheremo la concessione”

Cappuccini, alta tensione tra Comune e Waterpolo, De Luca: “Revocheremo la concessione”

Prosegue la querelle tra l’Amministrazione comunale e l’ASD Waterpolo, la società che ha affidata la gestione della piscina Cappuccini.
Nei giorni scorsi, infatti, a seguito del sopralluogo effettuato per verificare lo stato dell’impianto successivamente al crollo di parte del tetto in legno, a cui ha partecipato anche il responsabile comunale per la manutenzione degli impianti sportivi, il sindaco De Luca aveva comunicato la chiusura della struttura sia per inagibilità che per “gravi inadempienze contrattuali dell’attuale concessionario”.

A queste dichiarazioni però si è opposto Felice Genovese, presidente dell’ASD Waterpolo, che ha evidenziato come la società abbia inviato diverse comunicazioni al Comune (il 27 febbraio; il 5 aprile; il 10 aprile ed il 10 maggio 2019) chiedendo la convocazione di un incontro urgente al fine di definire in contraddittorio le problematiche della struttura e la rinegoziazione dell’accordo transattivo in essere con il Comune.

È in questo quadro che si colloca l’ulteriore chiarimento da parte dell’Amministrazione che “contesta integralmente” le dichiarazioni di Genovese e passa al contrattacco.
Secondo quest’ultima, infatti, che ricostruisce la cronologia del rapporto tra Comune e Waterpolo iniziato nel 2012, fin da subito dopo l’ottenimento della concessione per la piscina, a seguito di gara ad a evidenza pubblica, l’ASD si sarebbe resa inadempiente rispetto ai propri obblighi “accampando pretestuose doglianze sulla inadeguatezza dell’impianto”, fino ad arrivare alla più recente interruzione del pagamento del canone che avrebbe avuto inizio a gennaio 2019.

A causa di queste mancanze, dunque, l’Amministrazione ha nuovamente ribadito la propria volontà di “revocare ogni delibera avente ad oggetto l’affidamento della gestione ed il successivo accordo transattivo, avendo già dato mandato agli uffici di predisporre relativa delibera”.

In aggiunta, l’Amministrazione ha anche annunciato che trasmetterà copia di tutti i precedenti atti di gestione alla Corte dei Conti per l’accertamento di quelle che vengono definite “evidenti responsabilità contabili”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su