Home / Sport / Calcio / Nuovo allenatore per l’ACR Messina: chi è Michele Cazzarò
Nuovo allenatore per l’ACR Messina: chi è Michele Cazzarò

Nuovo allenatore per l’ACR Messina: chi è Michele Cazzarò

Com’è ormai noto, l’incarico di allenatore della prima squadra per la stagione 2019/2020 è stato affidato al tecnico Michele Cazzarò.

Classe ’73, il tecnico tarantino vanta una lunga carriera da calciatore professionista con oltre quattrocento presenze, tra il ’93 e il 2009, in C1 e in C2, indossando le maglie di squadre come: Forlì, Taranto, Avezzano, Castrovillari, Torres, Pisa, Martina Franca, Benevento, Monopoli, Lumezzane e Andria.

La sua attività di allenatore inizia, nel 2012, con la formazione Juniores del Taranto, che guida fino al marzo 2015,  quando ottiene la panchina della prima squadra nella parte finale della stagione. Pur subentrando a campionato avviato, riesce a fare salire il Taranto al secondo posto, fino ai playoff in cui il Potenza, il Rende e la Viterbese vengono superati, prima di venire sconfitto in finale dalla Sestrese.

Nella stagione 2015/2016, conquista nuovamente il secondo posto ma non viene riconfermato al Taranto, viene ripescato in C l’anno dopo. È nell’ottobre 2017 che Cazzarò viene chiamato a sostituire nella panchina del Taranto Francesco Cozza, riuscendo a far risalire la squadra nella classifica di Campionato al quarto posto. Altamura battuto al primo turno playoff e sconfitta del Taranto in finale contro la Cavese.

Nonostante il turno di Coppa Italia superato contro il Nardò, la scorsa stagione, ad agosto, strade nuovamente divise e Michele Cazzarò arriva a Messina.

Insieme al mister, nella città dello Stretto approda anche il vice allenatore, Vincenzo Murianni, tecnico classe ‘70, nato anch’egli a Taranto, che nelle ultime due stagioni ha ricoperto il ruolo di allenatore in seconda al Taranto.

“A mister Cazzarò ed al suo vice – comunica l’ACR Messina – il benvenuto della società, con l’auspicio che possano offrire un importante contributo al nuovo corso dell’Acr Messina.”

Lascia un commento

Torna su