Home / Cultura / Villafranca Tirrena dice stop alla plastica
Villafranca Tirrena dice stop alla plastica

Villafranca Tirrena dice stop alla plastica

Si svolgerà questa sera, sabato 3 agosto, con inizio alle ore 21.30, in piazza Graziella Campagna, l’evento “Villafranca Plastic Free”, organizzato dalla sezione di Villafranca Tirrena della “Fidapa BPW Italy”, con il patrocinio del Comune e diverse associazioni partners.

L’evento, primo di una lunga serie che si svolgeranno da settembre nelle scuole, ha lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza sul tema dell’utilizzo consapevole degli oggetti in plastica e del loro riciclaggio.

Nel corso della manifestazione, presentata dagli assessori Nino Costa e Barbara Di Salvo, interverranno gli esponenti della sezione e del Distretto locali “Fidapa”, il vicepresidente nazionale Cettina Oliveri, il sindaco di Villafranca Matteo De Marco, il vicesindaco ed assessore all’Ambiente Giuseppe Cavallaro, il presidente della “Pro loco” di Villafranca Antonella Macrì, l’istituto tecnico tecnologico “Ettore Majorana” di Milazzo, il responsabile del gruppo “Mangiatorella” Francesco Federico, il presidente della Guardia Costiera Volontaria Giuseppe Giallombardo, il biologo Carmelo Isgrò e l’ingegnere naturalista Linda Schipani.

Il tutto sarà rallegrato da suggestivi spettacoli musicali e danzanti, esposizioni di opere frutto di riciclo e tanto altro.
Si esibiranno in varie performances di musica, ballo ed acrobazie da artisti “mangiafuoco” le associazioni “Eagle’s Club”, “Funfair”, “Gym Life”, “Mary Dance” e “Performance Creation”.

Durante la serata sarà scelto, a conclusione di un concorso aperto ai bambini, il nome del PesceMangiaplastica e premiato il disegno e/o la scultura più belli. Il PesceMangiaplastica è stato realizzato dalla socia Maria Grazia Bordin, in collaborazione con la ditta “Bertino Gaspare”.

Sarà anche allestita una mostra con tutti i lavori presentati, un’esposizione delle opere di Merita Shehu e Patrizia Previti, e degli stand con prodotti ecosostenibili realizzati dalle start-up fondate dagli studenti dell’istituto tecnico tecnologico “Ettore Majorana” di Milazzo.

La plastica ha cambiato le nostre vite, semplificandole e permettendo lo sviluppo. È un materiale prezioso, che nel corso del tempo ha perso valore a causa dell’esasperazione e dell’abuso dell’usa e getta e della scorretta gestione del suo fine vita.

Questa cattiva gestione ha portato laghi, fiumi, mari e, in generale, tutto l’ambiente in cui viviamo ad essere invasi da rifiuti in plastica, con conseguenze, che ancora non conosciamo totalmente, sulla biodiversità del pianeta e sull’economia dei nostri territori.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su