Home / Cultura / Mani tese in aiuto del guerriero Paolo Chillè, G King: “Aiutateci!”
Mani tese in aiuto del guerriero Paolo Chillè, G King: “Aiutateci!”

Mani tese in aiuto del guerriero Paolo Chillè, G King: “Aiutateci!”

Mani tese in sostegno del guerriero, Paolo Chillè, colpito da una rara forma di tumore alle ossa, curabile sì, ma soltanto in America.

A spendersi, in prima linea, per la nobile causa è il messinese, Giuseppe Campagna, “RIW Grand Champion” in arte “G King”, rapper e wrestler professionista di “Rap Pirata”, fondata da “Inoki Ness”, il ben noto rapper italiano. Vediamo meglio chi è e quanto il suo cuore batte per la sua Messina e qual è la frequenza, in termini di grandezza, della sua solidarietà!

Classe ’93, a soli 21 anni si laurea primo campione italiano “Real Italiano Wrestling”, riuscendo a detenere il Premio per ben 2 anni. Nel 2016, diviene “Extreme Champion” della promotion mantovana Kox, nonché primo wrestler siciliano (nato e cresciuto in Sicilia) ad aggiudicarsi una cintura in una Federazione del Nord d’Italia. Sempre nel 2016, inizia lo scontro tra Nord e Sud Italia, rappresentati rispettivamente dal bergamasco Horus e dal messinese G King. Per 2 match a 1, a vincere è l’atleta meridionale e a concludere la “faida” è un abbraccio e, con esso, trionfa tutto il senso della sportività, ed il valore del rispetto.

L’anno successivo, è il 2017, è tempo di sconfitta, a Villa S.Giovanni: G King perde la cintura di campione italiano ma sconfigge “El Nazareno”, suo maestro, divenendo RIW Hardcore Champion, titolo che è ancora in suo possesso. È, poi, la volta della sconfitta del torinese Bako, grazie al quale porta a casa la cintura internazionale IWE (IWE Crossroad Champion).

Ha lottato in città quali Milano, Genova, Mantova, Bergamo, Modena, Brescia e Catanzaro; in numero maggiore, i suoi combattimenti si sono tenuti in Europa, per lo più in Belgio ed in Francia.

Il soprannome di “Southern Warrior”, che gli è stato assegnato, porta impresso il marchio della Trinacria, simbolo dell’intenso legame tra il campione messinese e la sua terra. La bandiera sventola ad ogni suo ingresso sul ring e ad ogni vittoria.

<<E già avviata una raccolta fondi dalla famiglia di Paolo – dice G King – per aiutarlo a vincere questa battaglia, che sicuramente vincerà (e su questo non abbiamo nessun dubbio)!>>

<<Ho parlato con il Nazareno, – spiega – il proprietario della Real Italian Wrestling, e volevamo fare un regalo a Paolo, volevamo regalargli uno show di wrestling, interamente dedicato a lui, con una raccolta fondi ed ingresso gratuito.>>

<<Abbiamo bisogno di voi, di 4 cose fondamentali: una location (un posto, una piazza) per l’evento, anche il sindaco può aiutarci, ne saremmo grati; un impianto audio, perché come ben sapete è un’opera teatrale – quasi! – quindi abbiamo bisogno di luci e musica per l’ingresso dei lottatori; un furgoncino che ci permetta di caricare il ring, dalla palestra in cui si trova adesso, fino alla location in cui si svolgerà lo spettacolo; il vostro sostegno, il vostro supporto, il vostro aiuto.>>

<<Sapete benissimo che, oltre a far parte della Real Italian Wrestling, che è la Promotion New Wrestling per cui lotto, faccio anche parte di Rap Pirata, un movimento molto attivo sul sociale. Quindi, vi lascerò il link per iniziare a fare le donazioni a Paolo.” Conclude così, G King, con un messaggio pieno di speranza, e di forza, e con un’esortazione alla sua gente.

<<Aiutateci a fare questo spettacolo, per fare il mio regalo per Paolo, il mio regalo alla mia città, perché come, sapete, le mie radici sono di quà e aiuterò sempre e sarò sempre presente e a disposizione per la mia città. Forza, Paolo, siamo tutti con te!>>

Tutta la Redazione di Messina7.it si stringe attorno a Paolo, e ai suoi familiari, e si unisce all’accorato appello del rapper e wrestler messinese che, in questa dura battaglia, non si è smentito ed è, di nuovo, nonostante la lontananza, uno di noi. Anche questa volta, e sempre, “donare è vita”! Forza, Paolo!!!

Credenziali per aiutare Paolo
Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su