Home / In Evidenza / Messina, marciapiedi shock e “sdirupo” assicurato: pedone all’ospedale
Messina, marciapiedi shock e “sdirupo” assicurato: pedone all’ospedale

Messina, marciapiedi shock e “sdirupo” assicurato: pedone all’ospedale

Ormai la questione è risaputa: a Messina si passa dalle erbacce dai picchi record, che di un marciapiede fanno una giungla, al proliferare di rifiuti e spazzatura, fino all’elemento più tragico per la sicurezza che è l’incuria nella manutenzione della pavimentazione, con mattonelle sconnesse e avvallamenti cruenti. Il tutto “condito” da un quasi totale strapotere di barriere architettoniche varie. Ecco il racconto di un declino che la città – ahimè – vive da tempo immemore.

L’ultimo episodio si verifica proprio ieri pomeriggio, intorno alle 16:30, sul marciapiede destro di via I° Settembre, all’interno dell’sola pedonale adiacente piazza Duomo, in prossimità di un negozio di souvenir, un pedone inciampa: causa la pavimentazione dissestata.

L’uomo riporta gravi lesioni ad una gamba ed è impossibilitato a muoversi, la rotula risulta essersi spostata fuori dalla sua sede naturale, tanto forte è stato l’impatto al suolo, inevitabile il trasporto in ambulanza. La diagnosi è “frattura della rotula”, rimessa nella sua giusta posizione con una manovra da manuale attuata dai sanitari del 118 che hanno prestato soccorso al povero malcapitato.

Sul luogo intervengono anche i vigili urbani, che raccolgono gli elementi necessari per ricostruire quanto successo al poveretto.

Dai rilievi fotografici, emerge chiaramente che il difetto della pavimentazione insiste non soltanto sul luogo dell’incidente, ma anche in diversi punti di quel tratto di marciapiede.

Un problema da risolvere con urgenza atteso l’elevato indice di rischio che insiste in luoghi trafficati qual è il centro cittadino in cui l’affluenza di residenti e turisti è altissima. Senza, tuttavia, trascurare i punti meno nevralgici ma ugualmente rischiosi della città.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su