Home / Cultura / Arte e Libri / Messina, a S.Maria Alemanna presentato “Il Violino d’Argento”
Messina, a S.Maria Alemanna presentato “Il Violino d’Argento”

Messina, a S.Maria Alemanna presentato “Il Violino d’Argento”

È stato presentato giovedì 7 novembre, nella bella e suggestiva chiesa “S.Maria Alemanna” di Messina, il libro dal titolo “Il Violino d’Argento”, la prima silloge ed ultima fatica letteraria del poeta messinese emergente, Giuseppe Anastasi.

Ha caratterizzato l’inizio dell’evento un intervento musicale di grande fascino offerto da Antonio Adorno. Il percussionista, batterista, flautista e cantante ha regalato una vibrante improvvisazione in Sol minore dal titolo “Aderenze Cosmiche” che ha realizzato con l’hang drum.

Con lui, al tavolo di presentazione, il collaboratore giornalistico Piero Genovese, la blogger Teresa Anania e il Presidente dell’associazione culturale “Dedicato a te”, Marco Schifilliti. Ad intervenire anche Francesco Micari; l’attore ha declamato “Risveglio silente”.

Nel giro di poco tempo, il giovane autore ha ottenuto riconoscimenti di pregio in ambito culturale con “La Grande Seduzione”, poema epico religioso che racconta il paradiso preadamitico e la storica lotta tra Lucifero e San Michele.

“Il Violino d’Argento” è un viaggio di vent’anni, una raccolta di opere, edite ed inedite, dal linguaggio colto raffinato, una ‘creazione a gentile richiesta’ dei lettori di Anastasi desiderosi di una raccolta delle sue poesie, nonostante buona parte di esse fosse già fruibile sulla pagina Facebook dell’autore e siano rinvenibili sul profilo Instagram, oltre che sul canale YouTube dello stesso.

Nel corso del suo intervento, la Anania ha spiegato: <<La poesia è un’arte particolare e non è comprensibile ai molti, per l’errata concezione che spesso si matura in età scolare, eppure ilViolino d’Argentostupisce perché il lettore si trova difronte a sonetti elisabettiani, italiani, liriche assai variegate, in uno stile che distingue e contraddistingue il giovane poeta peloritano, artista della parola, capace di immortalare su carta il momento preciso dell’ispirazione>>.

Senza studi accademici, artista poliedrico che abbraccia parecchi settori dell’arte e della cultura, Anastasi definisce autodidatta <<Colui che ha una maggiore possibilità di risultare originale perché, non seguendo percorsi preordinati, ha maggiore propensione a spaziare liberamente nei diversi campi dello scibile umano>>.

Lo scrittore ha parlato del gruppo di artisti da lui stesso ideato, il ‘3S-Team‘, composto da chi nutre la stessa passione per la poesia e per l’arte. I componenti del ‘Team’ si definiscono “Sedotti Sognatori Seducenti” e i loro progetti sono tendenti all’esaltazione delle qualità dei singoli volte alla crescita del gruppo.

A metà della manifestazione, il cantante “Randy G” ha cantato “Sioux Voice” e “Mistery of the Black Hill” sulle note del Native Flute suonato da Adorno.

Il duetto Fabrizio Cacciola/Anastasi ha realizzato “Bagliori nel paradiso”, mentre è stata Sabrina Santamaria ha introdotto “Lode al detrattore”, declamata da Anastasi Insieme a Tania Galletta, proprio lei ha declamato “Ma quale umiltà”.

Chiusura evento in musica con Alessandro D’Arrigo, giovane rapper in arte “Dr Awoc”, anch’egli componente del “3S-Team“, che ha eseguito il brano “Sulla via blu”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su