Home / Politica / Circoscrizioni / “Questa è emergenza SI o NO?” Biancuzzo sulla Strada Statale 113/dir
“Questa è emergenza SI o NO?” Biancuzzo sulla Strada Statale 113/dir

“Questa è emergenza SI o NO?” Biancuzzo sulla Strada Statale 113/dir

Si rivolge ai Dirigenti ENEL e all’Assessore ai Lavori Pubblici, Ing.Salvatore Mondello. La nota segue un sopralluogo eseguito dallo consigliere Biancuzzo.                                  

“La strada statale 113/dir, da Ponte Gallo direzione Mortelle Comune di Messina, fa paura percorrerla, al buio e per pali pericolanti in cemento.” Sì legge nel documento, oltre alla domanda retorica che recita testualmente: “Questa è emergenza si o no?”                      

“Faccio presente che, l’impianto di pubblica illuminazione, nel tratto segnato in oggetto, è carente e per lunghi tratti completamente inesistente. Le pochissime lampade che, ancora, accendono non emanano la luce sulla strada statale, ad alta densità di traffico, causa delle alberature le cui chiome hanno fasciato i corpi illuminanti, per cui la strada riceve pochissima luce che filtra dagli alberi.”

“Risultano, vedi foto allegate, diversi pali in cemento che sorreggono i fili dell’energia elettrica pericolanti, con i tondini di ferro arrugginiti, si staccano pezzi di cemento dai pali ormai logorati e vetusti e potrebbero cadere sulla arteria stradale e sui mezzi in transito. Visto che lungo questa strada statale si sono verificati diversi incidenti mortali.”

La richiesta per i dirigenti ENEL è quella di “sostituire i pali in cemento,  che sorreggono i cavi dell’energia elettrica ubicati sulla Strada Statale 113/dir. che potrebbero cadere sulla strada e sui mezzi in transito.”

Al Vicesindaco viene chiesto di “dare mandato a degli ingegneri professionisti, se il caso anche esterni, per redigere un progetto che va da Ponte Gallo a Timpazzi, finalizzato alla realizzazione dell’intero impianto di pubblica illuminazione, viste le condizioni di forte disagio per la circolazione durante le ore notturne e il malcontento che regna nei cittadini residenti, richiedendo le somme necessarie all’”U.E” per l’esecuzione dei lavori installando un adeguato impianto di illuminazione pubblica.”

Infine, il consigliere chiede di poter ricevere notizie circa i provvedimenti adottati al riguardo.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su