Home / Politica / Riqualificazione delle scalinate cittadine: Cristina Cannistrà M5s chiede interventi urgenti
Riqualificazione delle scalinate cittadine: Cristina Cannistrà M5s chiede interventi urgenti

Riqualificazione delle scalinate cittadine: Cristina Cannistrà M5s chiede interventi urgenti

Sos scalinate cittadine, da troppo tempo ormai in balia del degrado, prive di decoro urbano e in pessime condizioni igienico sanitarie. A mettere sotto la lente lo stato di abbandono di numerose gradinate di Messina, molte delle quali vengono percorse quotidianamente da centinaia di crocieristi, è la consigliera del M5s Cristina Cannistrà, che riprende un argomento già affrontato negli scorsi mesi da vari esponenti delle Circoscrizioni.

«Messina si presenta particolarmente ricca di scalinate che consentono il raggiungimento delle zone panoramiche della città. Molte fra queste, alcune delle quali imponenti e di grande valore storico e architettonico, sono inserite in zone che necessitano di urgenti interventi di riqualificazione, a partire dalle ringhiere e dall’illuminazione, senza considerare l’ormai cronica assenza di cartellonistica ed itinerari turistici per consentire la fruibilità a cittadini e visitatori, un argomento sul quale ho già sollecitato l’Amministrazione, con particolare riferimento all’utilizzo dei fondi dell’imposta di soggiorno», spiega la consigliera, che cita nello specifico la Galleria di Via Vincenzo D’Amore e la relativa scalinata, che necessita di urgenti lavori di messa in sicurezza e di bonifica.

«Questa galleria – prosegue – rappresenta un bene storico che andrebbe restituito alla città con i dovuti interventi e azioni concrete di recupero. Un capitolo a parte merita la scalinata limitrofa che consente il collegamento pedonale tra la Via Santa Marta e la Via Orto Gemelli: ad oggi si presenta chiusa al transito da due cancelli (uno a valle e uno a monte) e inglobata in un palazzo di recente costruzione. Si ritiene necessario, pertanto, capire di chi sia la proprietà (se pubblica o privata) e far luce sulla relativa chiusura al transito», conclude.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su