Home / In Evidenza / Museo Messina, 190mila euro per risolvere “Importanti errori strutturali”
Museo Messina, 190mila euro per risolvere “Importanti errori strutturali”

Museo Messina, 190mila euro per risolvere “Importanti errori strutturali”

Un museo, quello di Messina, aperto da soli due anni dopo trentadue di attesa. Nonostante la “giovane età” della struttura è stato necessario uno stanziamento di 190 mila euro contro infiltrazioni d’acqua e per attuare le verifiche per accertare le responsabilità del caso.

<<Ho dato mandato al Dipartimento dei Beni culturali di effettuare accertamenti in ordine agli inconvenienti riscontrati, anche sotto il profilo di eventuali responsabilità. Comunque, ho provveduto in via straordinaria per lo stanziamento della somma di 190mila euro per finanziare la perizia e risolvere il problema in tempi brevissimi. Il direttore del Museo è quindi autorizzato a dare corso all’esecuzione dei lavori>>. Queste le parole del Presidente della Regione.

Sono stati definiti importanti gli “errori strutturali” al primo piano del Museo regionale dal direttore, Orazio Micali. Al piano terra sono esposte le opere di Antonello da Messina e del Caravaggio. Secondo il direttore del museo, l’ultima sciroccata aveva arrecato la rottura di 5 vetrate verticali per cui il direttore aveva chiesto lo stanziamento per due interventi complessivi di 190 mila euro.

<<La notizia mi ha indignato profondamente – ha riferito Musumeci -. Lavori importanti di ristrutturazione hanno mostrato tutta la loro precarietà. Non è concepibile che una struttura museale di primaria importanza come quella di Messina debba presentare problemi così gravi ad appena due anni dall’inaugurazione>>.

Sono soddisfatto che la nostra denuncia sia servita a ricordare al presidente delle condizioni di questo Museo. – ha commentato Antonio De Luca (M5S) – Speriamo che oltre gli interventi urgenti per risolvere l’emergenza si possa pensare anche ad interventi di natura strutturale per garantire che le opere del museo siano ben conservate, e perché il museo possa diventare quello che è in potenzialità cioè un polo culturale di grande attrattiva>>.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su