Home / Cronaca / Spacciavano davanti alle scuole: 6 ragazzi arrestati nel Messinese
Spacciavano davanti alle scuole: 6 ragazzi arrestati nel Messinese

Spacciavano davanti alle scuole: 6 ragazzi arrestati nel Messinese

Due ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite a Patti, Gioiosa Marea e Barcellona Pozzo di Gotto, nel Messinese. Ad emetterle rispettivamente il Giudice per le Indagini Preliminari (GIP) del Tribunale di Patti, dott.Eugenio Aliquò, e il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale per i Minorenni di Messina, dott.Michele Saya, su richiesta delle Procure della Repubblica guidate dai Procuratori Angelo Cavallo e Andrea Pagano.

Gli arresti sono stati messi a segno dai Carabinieri della Compagnia di Patti che hanno sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari un 29enne cubano residente a Patti di nome Gonzalez Perez Ignacio Francisco, un 26enne barcelonese Calabrese Marco Pietro, i pattesi D’Amico Alessandro (25 anni) e Morciano Michael (20 anni), un 22enne Lo Presti Rosario e un 18enne M. G. che, all’epoca dei fatti, era minorenne; quest’ultimo è stato inserito in un istituto di custodia per minori.

Inoltre, nell’ordinanza cautelare sono stati disposti 4 ulteriori provvedimenti cautelari emessi a carico di Corica Mauro 37enne barcellonese e dei 20enni, Sangiorgio Agostino Antonio pattese e Soloperto Andrea Fabrizio di Gioiosa Marea, sottoposti alla misura dell’obbligo di dimora, nonché Sorbera Daniela, 36enne di Gioiosa Marea, sottoposta ad obbligo di presentazione alla P.G.. Tutti gli indagati sono gravemente indiziati del reato di traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti in concorso tra loro e, per uno specifico episodio, per i soli Gonzalez, Corica e Calabrese, anche di estorsione in concorso.

Dalle indagini, condotte dalla Sezione Operativa della Compagnia di Patti, coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica, dott.ssa Giorgia Orlando, è emersa una fitta rete di spaccio di sostanze stupefacenti. Tutti ragazzi i componenti, alcuni erano appena maggiorenni. I “baby spacciatori” cedevano marijuana e cocaina a giovanissimi acquirenti, talvolta minorenni, non solo nei luoghi della ‘movida‘ dei Comuni di Patti e Gioiosa Marea ma anche, fatto ancora più grave ed inquietante, all’esterno di alcuni istituti scolastici pattesi.

L’attività investigativa era iniziata nel novembre del 2018, in quell’anno i militari della Compagnia di Patti concentravano le loro attenzioni su alcuni stranieri, sospettati di spacciare sostanze stupefacenti. Gli accertamenti preliminari evidenziavano esclusivamente il consumo di droga, in un secondo momento, attraverso un’analisi delle loro frequentazioni, si giungeva alla scoperta della fitta rete di spaccio condotta da giovanissimi ed avente il proprio baricentro proprio nel Comune di Patti.

Sin dall’inizio delle investigazioni, in particolare, è risultato evidente come queste attività di cessione di droga avessero come destinatari principali soggetti minori, ai quali la droga, in più circostanze, veniva ceduta all’esterno di istituti scolastici, ove i giovanissimi consumatori potevano reperire le sostanze stupefacenti con facilità per la presenza degli spacciatori.  

I Carabinieri della Sezione Operativa, quindi, a fronte di tali gravi fenomeni, hanno avviato attività tecniche d’intercettazione sia telefoniche che ambientali, finalizzate a stabilire l’entità del traffico e a meglio definire le responsabilità individuali dei giovani indagati. Nel corso delle indagini, sono stati documentati numerosi incontri mirati all’approvvigionamento di sostanze del tipo marijuana e cocaina da rivendere sulla piazza di Patti, attraverso un’attività di riscontro resa più che mai complessa dal fatto che gli indagati hanno sempre comunicato essenzialmente attraverso gli applicativi “Telegram” e “Whatsapp”. A seguito dei continui controlli, delle perquisizioni e dei sequestri effettuati dai militari, i giovani indagati, preoccupati per le attività sempre più stringenti dei carabinieri, iniziarono a scambiarsi commenti ed indicazioni attraverso la linea telefonica “ordinaria”, pur mantenendo un linguaggio criptico. Nei dialoghi intercettati, quindi, i giovani facevano continui riferimenti alla qualità, al prezzo di acquisto e di rivendita della droga, nonché delle sue modalità di occultamento e preparazione, tradendo, nonostante la giovanissima età, una considerevole pericolosità sociale ed una rilevante propensione criminale.

Tra gli episodi più significativi si sottolinea la circostanza in cui, il 3 maggio del 2019, gli indagati Lo Presti, D’Amico e M. G. si recavano a Messina per rifornirsi di stupefacente del tipo cocaina. Dopo aver concluso l’acquisto, i tre giovani, monitorati dai carabinieri, facevano rientro a Patti, venendo fermati e sottoposti a controllo nei pressi della galleria sulla SS 113. Inaspettatamente l’attività di riscontro operata dai militari ha dato esito negativo poiché la sostanza non è stata rinvenuta dagli operanti, salvo poi apprendere, attraverso i dialoghi captati successivamente al controllo, che il Lo Presti, al fine di eludere la perquisizione, aveva ingerito “i tre cosi”, ossia un certo quantitativo di cocaina, manifestando poi agli altri indagati la sua preoccupazione per le eventuali controindicazioni e la necessità di espellere quanto ingoiato. Inoltre i tre giovani hanno paventato chiaramente l’ipotesi di una perquisizione domiciliare che potesse portare alla scoperta di altro stupefacente, motivo per cui un indagato ha subito contattato la madre chiedendole di disfarsi delle “sette storie”.

E ancora, una settimana dopo il precedente fatto, i carabinieri sono riusciti, mediante captazioni telefoniche in tempo reale, a capire l’esatto punto in cui Lo Presti e D’Amico avevano occultato un considerevole quantitativo di droga destinato a futuri frazionamenti. Un’autoradio, infatti, si è immediatamente diretta nella via Croce Segreto di Patti dove, alla vista dei militari, due giovani si dileguavano al buio, consentendo tuttavia ai carabinieri di rinvenire, in un terreno, un ciclomotore nel cui sottosella erano nascosti due involucri contenenti complessivamente 545 grammi di marijuana

Analogo episodio si è poi verificato il 14 maggio, allorquando, guidati dalle indicazioni captate dagli indagati, i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato un involucro contenente 45 grammi di marijuana nascosta tra gli arbusti in corrispondenza di un pilone dell’autostrada in località Landro di Gioiosa Marea.

La sera del 30 maggio, ancora, i carabinieri hanno fermato due degli indagati, rinvenendo, nelle tasche di uno in particolare, due involucri contenenti circa 5 grammi di cocaina che era stata acquistata poco prima proprio a Messina, in zona Camaro, e trasportata successivamente a Patti mediante una vera e propria “staffetta” operata da altri due giovani, con passaggio di consegne della droga presso un’area di servizio autostradale, secondo un modus operandi assolutamente studiato ed organizzato. 

Infine, di assoluto rilievo nell’ambito del traffico di droga oggetto d’investigazione, è stata la figura di Gonzalez Ignacio, più noto come “il cubano”, ritenuto il principale responsabile, tra l’altro, di diverse cessioni di stupefacente del tipo marijuana ad una ragazza minorenne, consumatrice abituale e ad altri giovanissimi, avvenute nei pressi di un istituto scolastico primario nella zona di Patti Marina. Proprio per l’attività di spaccio nei pressi di questi luoghi, all’indagato è stata contestata una specifica aggravante. Inoltre, lo stesso, nel corso di una perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di circa 20 grammi di marijuana.

Il Gonzalez, unitamente al Calabrese ed al Corica, si rendeva responsabile anche di un’estorsione nei confronti di un minorenne, colpevole di aver acquistato della sostanza stupefacente senza aver saldato il proprio debito. Gli indagati, infatti, si recavano presso l’abitazione del minore, scagliandosi con calci e pugni contro la porta della casa ove la vittima si era rifugiata e riuscivano ad ottenere la consegna di 170 euro. 

Le risultanze investigative raccolte, quindi, hanno permesso di accertare le responsabilità di ciascun indagato, consentendo all’Autorità Giudiziaria di emettere gli odierni provvedimenti cautelari. 

Nel complesso l’attività investigativa condotta dai Carabinieri, sotto il coordinamento della Procura di Patti e di quella dei minori di Messina, ha posto l’attenzione sul preoccupante fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, peraltro in prossimità di istituti scolastici, così largamente diffuso tra i giovanissimi, anche minorenni, nelle vesti di spacciatori e di consumatori.

Sì fa presente come l’attività delle Forze dell’Ordine e della magistratura non sia da sola sufficiente a combattere il fenomeno in questione, ma è di fondamentale importanza per la prevenzione e l’educazione in ambito familiare e scolastico.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su