Breaking News
Home / Politica / Circoscrizioni / Maltempo, danni al litorale del VI Quartiere, Biancuzzo: “Stato di calamità?
Maltempo, danni al litorale del VI Quartiere, Biancuzzo: “Stato di calamità?

Maltempo, danni al litorale del VI Quartiere, Biancuzzo: “Stato di calamità?

Il consigliere Biancuzzo presenta una richiesta di ripascimento ed interventi urgenti lungo la costa Timpazzi Ponte Gallo – Riviera Nord – Comune di Messina. Si rivolge al presidente dell’AMAM Salvo Puccio, al sindaco Cateno De Luca e al prefetto Maria Carmela Librizzi. Segue la nota.

Si fa seguito alle giornate di forte vento e di cattivo tempo che hanno causato danno lungo il litorale del VI Quartiere, ricadente a nord del Comune di Messina, danneggiando gli arenili ed in alcuni tratti impianto idraulico fognario minacciando le zone abitate e le case popolate dai residenti nel periodo estivo ed invernale.”

Nello specifico, nel villaggio Acqualadrone è stato necessario l’intervento della protezione civile dal momento l’invasione dei marosi ha ricoperto la strada di detriti e sabbia rendendola inagibile e sdrucciolevole al transito dei pedoni ed autoveicoli.”

In contrada Cufina e Marmora il danno causato da forti mareggiate spinte da un forte vento di libeccio e maestrale hanno distrutto la strada sterrata esistente da sempre e l’impianto della rete fognaria.”

Nel villaggio Rodia le onde sono arrivate in piazza riempiendola di acqua e trasportando sabbia, detriti e fango. (A seguito di quanto pubblicato da alcuni giornali e documentato da video e fotografie pubblicate sul mio personale profilo facebook).

Chiedo alle Autorità competenti di provvedere urgentemente alla salvaguardia e alla manutenzione della costa tratto Timpazzi  – Ponte Gallo Comune di Messina di fatto deturpato perché la morfologia del litorale costiero è compromessa e irrimediabilmente cambiata al punto da suscitare preoccupazioni.

A seguito di un sopralluogo tecnico – conclude – potrebbe ravvisarsi la necessità di richiedere lo stato di calamità naturale per tutte queste zone.”

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su