Home / Società / Verso Atm SpA: “Panico non giustificato tra lavoratori e utenti”
Verso Atm SpA: “Panico non giustificato tra lavoratori e utenti”

Verso Atm SpA: “Panico non giustificato tra lavoratori e utenti”

Il trasporto pubblico cittadino assiste al passaggio da ATM ad ATM SpA. Lunedì 24, se ne parlerà in conferenza stampa, che avrà inizio alle ore 10 al terzo piano dell’ATM. Verranno presentati i percorsi, aziendali e lavorativi, attuati dai commissari liquidatori perché necessari a regolarizzare i processi economici. Managment: “Nessun motivo di preoccupazione per i dipendenti e i servizi per gli utenti”.

Durante l’incontro, sarà illustrato il passaggio indolore di consegne in atto dal managment attuale, nel rispetto di tutti i parametri che caratterizzano la mission dell’azienda.

Non è previsto alcun licenziamento e verranno rispettate le prerogative contrattuali, saranno predisposti i presupposti per assunzioni successive, necessarie per le nuove sfide del trasporto pubblico locale. Inoltre, non esiste la problematica sui processi produttivi che saranno potenziati insieme ai servizi agli utenti.

 <<Abbiamo voluto organizzare questa conferenza – spiegano i commissari liquidatori Pietro Picciolo, Roberto Aquila,  Fabrizio Gemelli e il direttore generale Natale Trischitta – per illustrare ai cittadini i presupposti delle nostro operato, e rispondere a polemiche strumentali, diffuse ad arte in queste settimane, con il solo intento di creare panico non giustificato tra lavoratori e utenti.>>

<<Le nostre azioni non intaccheranno in alcun modo i diritti dei dipendenti e le loro garanzie contrattuali; le nostre decisioni aiuteranno il miglioramento dei servizi successivi e l’organizzazione delle dinamiche operative, in vista del passaggio ad ATM SpA>>.

<<Stiamo cercando solo di adottare delle scelte che serviranno per successivi cambiamenti migliorativi del servizio pubblico locale, rispettando tutti i parametri attuali e integrando azioni innovative per rendere l’azienda sempre più efficiente e produttiva>>.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su