Breaking News
Home / Politica / Comune / “Corona virus”, Villafranca Tirrena: il sindaco invita alla responsabilità e senso civico
“Corona virus”, Villafranca Tirrena: il sindaco invita alla responsabilità e senso civico

“Corona virus”, Villafranca Tirrena: il sindaco invita alla responsabilità e senso civico

ll Sindaco di Villafranca Tirrena, Matteo De Marco, ordina la cittadinanza tutta ad attenersi alle disposizioni contenute all’interno del Decreto.

AVVISO ALLA CITTADINANZA EMERGENZA CORONAVIRUS: DA OGGI 10 MARZO FINO AL 3 APRILE 2020

VISTO IL DPCM DEL 09 MARZO 2020 CHE ESTENDE LA ZONA ROSSA SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE SI ORDINA ALLA CITTADINANZA DI ATTENERSI ALLE DISPOSIZIONI PREVISTE DAL SUDDETTO DECRETO DA OGGI 10 MARZO 2020 E FINO AL 03 APRILE 2020.

1) È vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico;

2) Evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata ed in uscita dal Comune di residenza o domicilio, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute. E’ consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza;

3) Ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37.5° C) è fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando telefonicamente il proprio medico curante;

4) DIVIETO ASSOLUTO DI MOBILITA’ DALLA PROPRIA ABITAZIONE O DIMORA PER I SOGGETTI SOTTOPOSTI ALLA QUARANTENA O RISULTATI POSITIVI AL VIRUS;

5) Sono sospesi tutti gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina e chiuse tutte le strutture e centri sportivi pubblici e privati;

6) di sospendere manifestazioni, eventi e spettacoli di qualsiasi natura, ivi inclusi quelli cinematografici, teatrali e religiosi, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato;

7) di sospendere le attività di Pub, Scuole di Ballo, Sale Giochi, Sale Scommesse, Sale Bingo, Discoteche e Locali Assimilati, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;

8) la chiusura di piscine, palestre e centri benessere, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;

9) la chiusura dell’Asilo Nido Comunale, del Centro Diurno per Anziani, dei Centri Sociali (Divieto, Piazza G. Campagna, Calvaruso e Serro), del Centro di Aggregazione Giovanile, dell’Università della Terza Età, degli Asili e delle Ludoteche private, del Museo della Storia della Medicina, dell’Antico Frantoio di Serro, del Museo della Devozione del Santuario di Calvaruso;

10) la sospensione dell’attività scolastica di ogni ordine e grado;

11) di garantire, nei luoghi di culto, l’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro;

12) la sospensione delle cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri;

13) sono consentite le attività di ristorazione e bar dalle ore 06:00 alle ore 18:00, con obbligo, a carico del gestore, di predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;

14) di garantire, in tutti gli esercizi commerciali diversi da quelli citati nei precedenti punti, l’adozione di misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee ad evitare assembramenti di persone, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro tra i visitatori, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione. In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza, le richiamate strutture dovranno essere chiuse;

15) di garantire, in tutti gli uffici ed attività private, l’adozione di misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee ad evitare assembramenti di persone, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza, le richiamate strutture dovranno essere chiuse al pubblico;

16) nelle giornate festive e prefestive sono chiuse tutte le medie e grandi strutture di vendita, nonché gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione. I gestori devono comunque adottare misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee ad evitare assembramenti di persone, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza, le strutture dovranno essere chiuse al pubblico. La chiusura non è disposta per farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari, che dovranno comunque garantire misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee ad evitare assembramenti di persone, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro tra i visitatori, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione.

SI RACCOMANDA A TUTTA LA CITTADINANZA DI EFFETTUARE SPOSTAMENTI ANCHE ALL’INTERNO DEL TERRITORIO COMUNALE SOLO IN CASO DI LAVORO, DI SALUTE E DI APPROVVIGIONAMENTO DA AUTOCERTIFICARE DAVANTI ALL’AUTORITA’ DI POLIZIA SE RICHIESTO. OGNI SACRIFICIO FATTO OGGI CI AIUTERA’ A SUPERARE QUESTA EMERGENZA AL PIU’ PRESTO.

Il Sindaco

(Dott. Matteo De Marco)

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su