Home / Meteo e Ambiente / Ambiente / Pescara chiama, Messina risponde
Pescara chiama, Messina risponde

Pescara chiama, Messina risponde

Cari amici,

una massa d’aria molto fredda dalla Russia in queste ore si sta approssimando all’Italia, richiamando dapprima correnti meridionali, con cielo uggioso e piogge sulla Sicilia, poi, da martedì a giovedì, correnti settentrionali con un forte calo termico che come di consueto nel messinese giungerà dopo aver portato nevicate sulle colline dell’Adriatico. Sembra che Pescara città, “porta del freddo” per il meridione, sia esclusa da accumuli di neve, ma non è escluso che possa comunque fioccare. Maltempo quindi da domenica 22 a giovedì 26 marzo, con un picco freddo tra martedì e mercoledì. Nel messinese nevicherà dagli 800 metri in su nel picco di freddo, non escludendo locali sconfinamenti più in basso e grandine/graupel in pianura e sui litorali. Marzo e aprile storicamente non sono mesi tiepidi per la città di Messina, perchè il mare è ancora decisamente freddo, ma un’ondata di maltempo e freddo di questo genere è notevole. L’unico lato positivo di questo maltempo è il fatto che le campagne hanno ancora bisogno di tanta acqua e questo maltempo potrebbe garantirgliela. Il lato negativo è il fatto che il freddo non è certo nemico della diffusione dei virus come quello che sta causando così tanti problemi all’Italia. Il calo termico dovrebbe attenuarsi nel corso del weekend, ma lo sfracellarsi del Vortice Polare non depone a favore di stabilità duratura.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su