Home / In Evidenza / Messina, bisogna restare uniti per superare questa drammatica situazione
Messina, bisogna restare uniti per superare questa drammatica situazione

Messina, bisogna restare uniti per superare questa drammatica situazione

La solidarietà è essenziale per creare unità di intenti.

“Siamo figli del caos”, scriveva Luigi Pirandello, ed è vero se analizziamo la situazione che regna a Messina. il sindaco cerca di limitare o di contenere al massimo le possibilità di contagio, riducendo – come molti sostengono – le libertà personali sancite dalla nostra Costituzione..In un momento, come questo, non è possibile indugiare o perdere tempo, bisogna far di tutto per arginare il contagio. Diciamo la verità i tanti tagli effettuati dai vari governi, in questi ultimi anni, sulla sanità in Sicilia, hanno reso il sistema sanitario nella nostra regione incapace di far fronte alle vere emergenze. noi siciliani, in parole povere, non possiamo far fronte al dilagare di una pandemia. ed è assurdo poi che tutto ò chiuso, o quasi, noi siamo chiusi in casa, negozi chiusi, nessuno si può spostare, tranne che per giustificati e validi motivi. Come mai gli sbarchi dal continente di centinaia di auto vengono permessi? In un momento come questo che bisogna,, ad ogni costo ,contenere il diffondersi del Coronavirus? C’è qualcosa che non va, le misure restrittive devono essere applicate, così, ogni sforzo e ogni sacrificio fatto da noi messinesi è vano. Un’esperienza tanto dura e profonda come quella che stiamo realmente vivendo induce ad una riflessione: “cerchiamo di essere uniti, per affrontare al meglio e superare così la drammatica situazione attuale. Superata la tempesta, saremo più forti, e temprati ,l’alba di un nuovo giorno per una Sicilia, da sempre, abbandonata e volutamente lasciata al degrado. Spetta a noi far sentire il grido di dolore dei tanti siciliani che vanno via per cercare un lavoro e un futuro migliore.. Si deve agire, in tempi brevi, per creare occupazione, lavoro e sviluppo per la nostra amata Isola, la Sicilia.

Foto: FB

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su