Home / In Evidenza / Sbarchi Messina, il sindaco: “Nelle nostre strade, non entra più nessuno”
Sbarchi Messina, il sindaco: “Nelle nostre strade, non entra più nessuno”

Sbarchi Messina, il sindaco: “Nelle nostre strade, non entra più nessuno”

Sindaco e Giunta presenti alla Rada S.Francesco. <<Non puoi dire: la Sicilia è chiusa e poi non è vero niente!>> È concitato il tono del Primo cittadino di Messina. <<La gente si vede sbeffeggiata da questa situazione>>. – dice.

<<Abbiamo assistito a provvedimenti di carta. È tre settimane che, in Italia, si gioca. Abbiamo messo a repentaglio tante vite umane>>.

<<I messinesi hanno accettato di stare in casa quando, poi, a fronte del decreto del ministro della Salute, che ha stabilito finalmente che non si può passare da un comune all’altro. La nostra è una denuncia che non vale solo per Messina ma vale per tutta l’Italia>>.

<<Questa è una battaglia che io conduco anche per i colleghi sindaci. Quando si stabiliscono le norme non si oensa che in trincea ci sono i sindaci. Non è giusto essere sbeffeggiati>>.

<<La questione della Renault. Pare che siano fuggiti, pare che li abbiano avvistati a fare la spesa. Non ha importanza la questione di una macchina o due. Dov’è lo Stato??? Non c’è>>!

<<Nelle nostre strade, non entra più nessuno. Sto aspettando la nave delle 22. Che passino sul mio corpo queste navi! Mi hanno detto che passeranno domani mattina>>.

<<Bastava registrare i pendolari, si registravano una volta per tutti (medici, magistrati, Forze dell’Ordine…), una sola volta e non avremmo trasformato le nostre Forze dell’Ordine in verificatori amministrativi. Ieri, questi permessi chi li ha rilasciati? Questi della Renault chi li ha autorizzati>>?

<<Non puoi – dice rammaricato – alzare la voce perché commetti il delitto di lesa maestà del quale mi sono rotto le palle>>.

<<Noi aspetteremo e non è un lancio per attirare l’attenzione. Mi sono limitato alle reti locali per dare le informative>>.

<<Oggi, lo scenario è diverso perché io rischio l’arresto. E, quindi, l’Italia deve sapere, quando in trincea ci sono i sindaci. Abbiamo una posizione che non blocca l’Italia. Andiamo avanti con i NI puoi uscire accanto a casa, no non puoi uscire>>.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su