Home / Cultura / La cultura non si ferma mai tanti i musei e parchi online sul canale youtube del Mibact
La cultura non si ferma mai  tanti i musei e parchi online sul canale youtube del Mibact

La cultura non si ferma mai tanti i musei e parchi online sul canale youtube del Mibact

Il Colosseo, il Foro e il Palatino risplendono nel video disponibile sul canale YouTube del MiBACT https://www.youtube.com/watch?v=VLbM13UcdbU, dove dall’inizio dell’emergenza coronavirus i musei, i parchi archeologici e gli istituti autonomi statali stanno fornendo contributi audiovisivi di ogni genere per permettere alle persone di continuare a godere del patrimonio culturale nazionale.


Dall’attenzione alle famiglie con le numerose attività e laboratori per bambini e ragazzi alle attività di studio e ricerca, con la possibilità di ammirare luoghi meno noti come la domus di Scauro; dagli scavi realizzati insieme a studenti e specializzandi per la formazione specialistica sul campo ai percorsi multimediali attraverso i luoghi di Nerone, Augusto e Livia; dalle opere di manutenzione e restauro all’Arco di Tito, con l’inconsueto accesso a una scala interna al monumento trionfale, al lavoro quotidiano del personale nel Parco Archeologico del Colosseo. Questo e molto altro è visibile nel video che illustra uno dei luoghi iconici del patrimonio culturale mondiale, pronto ad accogliere nuovamente appena possibile chi vorrà godere dal vivo dei suoni e delle luci che animano le memorie più preziose della nostra storia.


Con questa iniziativa il Mibact, attraverso un impegno corale di tutti i propri istituti, mostra così non solo ciò che è abitualmente accessibile al pubblico, ma anche il dietro le quinte dei beni culturali con le numerose professionalità che si occupano di conservazione, tutela, valorizzazione. Attraverso il sito e i propri profili social facebook, instagram e twitter il Ministero rilancia le numerose iniziative digitali in atto.

La Direzione regionale musei Puglia aderisce alla campagna La cultura non si ferma: sul canale YouTube del Mibact si promuovono i beni culturali di Lecce

Anche l’anfiteatro romano di Lecce (https://www.youtube.com/watch?v=J4gESxHJyPA&t=15s ) è tra i beni culturali visitabili online sul canale You tube del Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo (https://www.youtube.com/user/MiBACT ): una raccolta di oltre 100 filmati, tutti identificati con con l’hashtag #iorestoacasa, che cresce con una programmazione di quattro video al giorno, in pubblicazione alle 10.00, alle 12.00 alle 15.00 e alle 17.00.

Così, l’arena dell’antica Lupie – la Lecce romana -, nel centro di piazza Sant’Oronzo, promuove la città attraverso il pubblico del web, favorendone la conoscenza culturale e turistica per quando sarà possibile passare dal virtuale al reale.

L’iniziativa  è della Direzione regionale musei Puglia che aderisce così  alla campagna nazionale La cultura non si ferma, lanciata dal Mibact prima settimana di marzo, con lo scopo di far conoscere il patrimonio culturale italiano, rendendolo fruibile da casa.

La camera mostra l’anfiteatro di età augustea, così come lo vediamo oggi, intessuto nel contesto urbano: l’arena, appunto, le gradinate, le gallerie radiali scavate direttamente nella roccia, l’ambulacro inferiore… una struttura che, all’epoca, poteva ospitare fino a 14.000 persone.

In questo periodo in cui musei, parchi archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema sono chiusi a causa dell’emergenza coronavirus, il Mibact, attraverso un impegno corale di tutti i propri istituti, mostra così non solo ciò che è abitualmente accessibile al pubblico, ma anche il ‘dietro le quinte’ dei beni culturali con le numerose professionalità che si occupano di didattica, conservazione, tutela, valorizzazione.

Attraverso il sito e i propri profili social facebook, instagram e twitter il Ministero rilancia le numerose iniziative delle istituzioni pubbliche e private che hanno inviato i contributi video  in occasione della maratona solidale “L’Italia chiamò”. Funge data base complessivo di tutte le attività


LA CULTURA NON SI FERMA: COSA SUCCEDE ALL’ICCU? PER #IORESTOACASA SUL CANALE YOU TUBE DEL MiBACT

L’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche (ICCU) aderisce alla campagna La cultura non si ferma, promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo con lo scopo di aggregare e far crescere l’offerta del patrimonio culturale fruibile da casa con un filmato https://youtu.be/hEp5SPGGy4A sul canale youTube del Ministero, con l’hashtag #iorestoacasa. 

L’Istituto prosegue anche in questo periodo a gestire e promuovere il catalogo e la rete del servizio bibliotecario Nazionale: dal prestito tra biblioteche alla revisione delle collezioni digitali, dalla pubblicazione delle immagini e dei documenti della Grande Guerra alle mostre virtuali, dal censimento dei manoscritti e libri antichi alla pubblicazione delle risorse digitali. In particolare, proprio il coordinamento della grande rete del Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN), realizzato in collaborazione con le Regioni e le Università, consente al cittadino la ricerca online sui cataloghi di tutte le biblioteche italiane e, in questi giorni, promuove il portale ioleggodigitale.it: oltre 2 milioni di risorse digitali gratuite, afferenti alla digital library ReteINDACO, sono accessibili a tutto il pubblico, non solo italiano, senza alcun obbligo di iscrizione.(https://ioleggodigitale.dmcultura.it/opac/.do)

Nonostante i musei, parchi archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema sian chiusi a causa dell’emergenza coronavirus, il Mibact, attraverso un impegno corale di tutti i propri istituti, mostra così non solo ciò che è abitualmente accessibile al pubblico, ma anche il dietro le quinte dei beni culturali con le numerose professionalità che si occupano di didattica, conservazione, tutela, valorizzazione. Attraverso il sito e i propri profili social facebook, instagram e twitter il Ministero rilancia le numerose iniziative digitali in atto. 

Sulla pagina La cultura non si ferma https://www.beniculturali.it/laculturanonsiferma, in continuo aggiornamento, sono già presenti diverse contributi dei luoghi della cultura italiani.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su