Home / Politica / Comune / Messina, De Luca a Conte: “Caro ministro, campa cavallo che l’erba cresce”
Messina, De Luca a Conte: “Caro ministro, campa cavallo che l’erba cresce”

Messina, De Luca a Conte: “Caro ministro, campa cavallo che l’erba cresce”

Aspettando Lei e il suo governo la gente muore di fame…” – dice il sindaco di Messina, Cateno De Luca.

Meno male che ci siamo ancora noi, i dipendenti pubblici e i pensionatidice -(se il Coronavirus non ne estinguerà la stirpe) mantenere figli e nipoti che improvvisamente sono rimasti senza alcun reddito“.

Caro Presidente, noi siamo stati più veloci dei suoi provvedimenti e dell’INPS con un clik abbiamo diviso i nostri stipendi e le nostre pensioni per non fare morire di fame i nostri ragazzi che nel frattempo si sono ritrovati senza alcun lavoro e sono fuori dalla Sicilia e dall’Italia“.

Il mio non è populismo ma è la cruda realtà. Noi siamo i veri ammortizzatori sociali. Tra l’altro molti lavoratori sono esclusi dal questa misura”.

Voi non siete niente! Non siete nulla! Il 31 gennaio 2020 avete dichiarato lo stato di emergenza e non avete ancora fatto nulla! Datevi una smossa! Errori, improvvisazione,,,*

Se questo è il nuovo…. rimpiango tanto la prima repubblica. La Cassa integrazione, i primi soldi prima di Pasqua ? Molti non ci credono…10 milioni di Italiani ancora al palo”.

Foto: da FB

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su