Home / Cultura / Rai,una Tv grande come la scuola
Rai,una Tv grande come la scuola

Rai,una Tv grande come la scuola

Il servizio pubblico come elemento di unità nazionale , oggi online e stata presentata la nuova offerta formativa della Rai in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione

Alla presentazione presenti i direttori di Rai Cultura, Rai Ragazzi e di Raiplay oltre a scrittori e docenti universitari

“Con questa presentazione di oggi, si concretizza un lavoro portato avanti in queste settimane da Ministero dell’Istruzione e Rai”.

Credo che questa sia un’alleanza che fa bene alla scuola e quindi spero si possa mantenere, d’ora in avanti, in modo permanente”, ha sottolineato la Ministra Azzolina, che intende appunto rendere stabile il lavoro congiunto con la Rai, rafforzandolo e non legandolo alla sola emergenza in atto. Proprio perché, ha spiegato, “il tema scuola possa essere sempre più presente  nella Tv pubblica e possa avere una rinnovata attenzione. Oggi, che siamo in emergenza, è importantissimo farlo, ma anche in futuro”.

Con riferimento alla programmazione presentata, la Ministra ha sottolineato che “c’è un’offerta importante per i più piccoli, che sono naturalmente il segmento più fragile e che ha più bisogno del sostegno del mezzo televisivo. E c’è l’offerta multidisciplinare per la scuola secondaria. E poi abbiamo anche pensato ad un prodotto, diciamo, più ‘aperto’: che è un contenuto rivolto a tutta la comunità scolastica

Nel trend dell’ultimo mese il sito di Rai Scuola ha raggiunto un picco di attività con oltre 600mila visualizzazioni al giorno e nel solo mese di marzo ha oltrepassato 10milioni di pagine viste. Nello stesso mese, inoltre, sono state realizzate dagli insegnanti oltre 1.000 lesson plan.

Anche la curva del portale RaiCultura.it segna un forte rialzo, raggiungendo quasi 2 milioni di pagine viste nel mese di marzo.

Gli account social di Rai Cultura continuano a crescere costantemente: l’account Instagram di Rai Cultura, con oltre 350 mila followers, è il primo account della Rai; mentre l’account Facebook di Rai Storia ha superato mezzo milione di utenti.

A scuola tutti i giorni, nonostante tutto. In collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, Rai mette a disposizione di studenti e insegnanti un nuovo palinsesto dedicato alla scuola, con un’offerta rivolta a tutte le fasce d’età e con un’attenzione particolare per chi dovrà affrontare un inedito Esame di Stato.
Un’offerta che, dal 17 aprile, avrà in Rai Cultura (attraverso Rai Scuola e Rai Storia – Rai3), Rai Ragazzi e RaiPlay le sue “aule” aperte.

Da venerdì 17 aprile, Rai Scuola – che già dal 9 marzo ha raddoppiato le ore di programmazione, suddivise per materie – si arricchisce con le nuove lezioni di “La Scuola in Tv”, realizzate direttamente da docenti e insegnanti indicati dal Ministero dell’Istruzione. Saranno lezioni di 30 minuti, precedute da una breve introduzione utile per individuare l’ambito scolastico e la collocazione nel programma di studio.

Un primo elenco delle discipline individuate dal Ministero dell’Istruzione, con 30 docenti per un totale di oltre 110 lezioni, prevede: Italiano, Lingue e civiltà classiche, Filosofia, Scienze umane, Storia, Chimica e Biologia, Fisica, Matematica, Lingue straniere, Educazione fisica, Informatica, Scienze, Storia dell’arte, Scultura, Pittura, Moda, Grafica, Astronomia, Scienze della terra.


Dal 27 aprile, inoltre, Rai Scuola propone una novità dedicata agli studenti che affronteranno l’Esame di Stato: Scuola@Casa Maturità. Tutti i giorni – alle 10 e alle 15 – due lezioni di 30 minuti tenute da docenti universitari, Accademici della Crusca e Accademici dei Lincei per aiutare gli studenti ad affrontare la prova di maturità.

Gli argomenti di queste lezioni sono indicati da insegnanti degli istituti secondari di secondo grado con una lunga esperienza nelle commissioni di esame: i docenti analizzeranno l’argomento della lezione, rispondendo con la loro competenza ma con un approccio che sarà utile agli studenti che faranno l’Esame quest’anno, anche tenendo conto delle particolari caratteristiche che essa avrà.

Tra i primi nomi, Giulio Ferroni, Valeria Della Valle, Giuseppe Patota, Gabriele Pedullà per l’Italiano; Felice Cimatti e Maurizio Ferraris per la Filosofia e per i percorsi didattici su Costituzione e Cittadinanza; Paolo Ercolani per la filosofia,

Umberto Gentiloni per percorsi interdisciplinari nei rapporti tra Stato e Chiesa e la Costituzione Italiana; Licia Troisi per Geografia Astronomica; Federico Pirrone per il Latino; Carlo Doglioni per Scienze della Terra; Giorgio Manzi per le Scienze.


Ma dal 27 aprile tutti i giorni alle 21.30 arriva anche la nuova edizione di Scuola@casa magazine (con repliche il sabato e la domenica).

Nel programma, realizzato presso lo studio TV4 di Teulada, diversi esperti analizzeranno problematiche generali che coinvolgono tutto il mondo della scuola e quelle specifiche per la secondaria di secondo grado, oltre all’orientamento scolastico e a quello in uscita. Si parlerà di didattica a distanza, di tempo di studio, di rapporto con gli studenti, dell’operatività dei docenti e di come i genitori possano essere di aiuto e possano comportarsi per gestire questo difficile momento.

La tecnologia dei device digitali sarà protagonista della narrazione. Particolare attenzione verrà rivolta alle esigenze di inclusione e ai bisogni educativi speciali.


Durante il programma saranno anche lanciate e presentate le nuove lezioni del palinsesto di Rai Scuola e le novità pubblicate sul sito web di Rai Scuola e del portale Rai Cultura Sezione Scuola2020 (comprese le iniziative, già avviate fin dall’inizio dell’emergenza, dedicate alla formazione dei docenti alla didattica a distanza: le dieci puntate del programma Scuola@casa e il magazine quotidiano on-line Scuola@casa News). Materiali che potranno essere a disposizione di reti e telegiornali per comunicare il grande impegno di Rai e Miur per #lascuolanonsiferma.


Tutte le lezioni, suddivise nei singoli contenuti di apprendimento, andranno ad arricchire il sito web di Rai Scuola e il portale Rai Cultura nella sezione Scuola2020. Lezioni e contenuti di apprendimento potranno essere utilizzate dai docenti che, attraverso il costruttore di lesson plan del sito web, potranno realizzare le loro lezioni per la didattica a distanza e pubblicarle sul sito, mettendole così a disposizione della comunità scolastica.

Su Rai3, l’offerta didattica ha per protagonista, dal 27 aprile per 43 puntate, Edoardo Camurri con “#Maestri”, in onda dal lunedì al venerdì alle 15.20. Camurri introdurrà e commenterà in ogni puntata due lezioni registrate da protagonisti della cultura, accademici e divulgatori per un totale di 86 lezioni di altrettanti “Maestri” che saranno individuati e convolti dal Ministero dell’Istruzione.

Tra i primi nomi, Alberto Angela, Antonino Canavacciuolo, Alessandro Barbero, Telmo Pievani, Maria Grazia Messina, Luca Mercalli, Claudio Strinati, Marco Mezzalama, Vittorio Lubicz, Luca Serianni, Piergiorgio Odifreddi, Sabino Cassese, Marta Cartabia, Luca Mercalli, Nicola Piovani, Andrea Giardina, Mario Tozzi, Alessandro Zuccari, Valerio Massimo Manfredi, Alberto Melloni, Massimo Montanari, Gianni Toniolo.

Su Rai Storia, infine, parte il 13 maggio in prima serata “Prove di Maturità”, in onda il mercoledì alle21.10 per dieci puntate.

Protagonista, ancora Edoardo Camurri che in ogni puntata aiuterà due studenti, collegati in remoto dalla loro abitazione, a effettuare delle vere e proprie simulazioni d’esame.
Ognuno dei ragazzi costruirà un percorso interdisciplinare sul XX secolo, spaziando dalle materie umanistiche a quelle scientifiche, in uno sforzo di sintesi interdisciplinare.

Il lavoro dei ragazzi sarà integrato da considerazioni di grandi umanisti e scienziati, coinvolti di volta in volta da Camurri per dare suggerimenti o per giudicare passaggi magari troppo arditi o troppo semplicistici dei maturandi.

Rai Ragazzi, invece, propone tre ore al giorno di scuola, in diretta, su Rai Gulp, per bambini e ragazzi delle primarie e delle secondarie di primo grado, con “La Banda dei FuoriClasse”, un programma innovativo in onda dal 20 aprile dal lunedì al venerdì, a partire dalle 9.15 su Rai Gulp (con una speciale anteprima di 30 minuti in programma venerdì 17 aprile, alle ore 9.15).
Dal Centro di Produzione Rai di Torino, ogni giorno La Banda dei FuoriClasse si rivolgerà a quei ragazzi costretti a conclu- dere l’anno scolastico fuori dalla scuola: confinati a casa, ma non isolati. Si tratta di una generazione, una comunità, una banda, che affronta insieme una sfida nuova.
Lo scopo del programma è educare e nello stesso tempo far sentire ai ragazzi che non sono soli: distanti ma uniti, formano una banda.
La Banda dei Fuoriclasse diventa una parte essenziale della offerta educativa Rai per ragazzi in questo periodo di emergenza, insieme alla programmazione di Rai Scuola e Rai Cultura, orientate soprattutto verso i ragazzi più grandi delle superiori, e alla ricca offerta on-demand di Rai Play.
Il programma sarà condotto da Mario Acampa, con una grande esperienza di conduzione di programmi per ragazzi e di divulgatore scientifico e culturale, scritto dallo stesso Acampa insieme a Federico Taddia, un grande esperto di divulgazione per i più giovani, Toni Mazzara e Giovanna Carboni. La regia è di Marta Manassero.
Grazie alla collaborazione del Ministero dell’Istruzione, numerosi docenti collabo- reranno al programma.

Nell’arco delle tre ore di trasmissione, il conduttore porterà il giovane pubblico in un itinerario di- dattico composto da lezioni, contributi video, collegamenti in videoconferenza con esperti, che si comporranno in un essenziale programma scolastico di emergenza, che toccherà per quanto possibile tutte le materie curricolari.


I ragazzi potranno interagire e fare domande attraverso Instagram (@rai_gulp), Facebook (ht- tps://www.facebook.com/RaiGulp/) e Twitter (@RaiGulp).
La banda dei FuoriClasse è anche una sfida produttiva, realizzare e trasmettere tre ore al giorno di diretta nell’Italia del lockdown, resa possibile grazie alle capacità e alla disponibilità della direzione produzione Rai e in particolare del Centro di Torino.


La Banda dei FuoriClasse è un programma unico, che si inserisce nella programmazione speciale di Rai Ragazzi in questo periodo.

Dal programma quotidiano su Rai1, “Diario di Casa”, che ogni giorno informa con esperti e rappresenta la battaglia quotidiana contro l’epidemia grazie al costante contatto con bambini e famiglie che inviano disegni, video e messaggi, al resto della programmazione sui canali Rai Yoyo e Rai Gulp.
Programmi di intrattenimento, per trascorrere nel modo più sereno possibile questo periodo di difficoltà e restrizioni, a programmi più formativi, per tenere allenato il desiderio di conoscere.
Su Rai Yoyo, canale rivolto ai bambini più piccoli, è particolarmente ricco lo spazio per l’apprendi- mento dell’inglese e dell’arte. Su Rai Gulp, oltre alla grande letteratura di avventura, ai temi di edu- cazione civica, all’educazione motoria, un’attenzione particolare è data alla scienza.

RAI PLAY PER #LASCUOLANONSIFERMA

Salute, cultura, musica, tutela dell’ambiente e della natura, i grandi classici della letteratura, l’informazione, la scuola, programmi per i bambini e per i teenagers, e una collezione di video dedicata a Dante Alighieri. L’offerta di RaiPlay aumenta ogni giorno di più, con contenuti innovativi ed originali.
Fondamentale, in queste settimane di quarantena, l’attenzione riservata alle giovani generazioni, con programmi e proposte, alcune in esclusiva, a loro dedicate.
La sezione Learning di RaiPlay, creata ad hoc per l’emergenza, con una vera e propria miniera di contenuti dedicati esclusivamente agli studenti di ogni ordine e grado: un viaggio ideale nelle materie scolastiche, raccontate attraverso i migliori documentari e programmi televisivi. Storia dell’’arte, letteratura e teatro, scienze, lingue straniere, musica, geografia e molto altro ancora:
collezioni di programmi e playlist di video sempre aggiornate per approfondire gli argomenti oggetto di studio.
RaiPlay offre a studenti e insegnanti una scelta che si rinnova ogni settimana con contenuti tematici dedicati ai diversi cicli scolastici e a tutte le materie: tanti i contenuti per la Scuola dell’Infanzia: playlist di video, cartoni e canzoni, per stimolare la curiosità dei più piccoli per il mondo, gli animali, le persone che li circondano.
Numerosi anche i contenuti per i bambini della Scuola Primaria: un programma ricco di collezioni di video e programmi dedicati all’apprendimento di tantissime materie. Dalla scoperta del Mondo degli animali (Mammiferi, Uccelli, Pesci, Anfibi e Rettili e Invertebrati) a quello del Corpo Umano, fino alla Preistoria e al Coding. E per favorire l’apprendimento della lingua inglese, RaiPlay propone Hello Kids!, un mondo di cartoni e canzoni tratte dalle serie cult della Rai per i più piccoli: Fumbleland, Peppa Pig, Small Potatoes, Twirlywoos e tante altre ne arriveranno!
Per le Scuole secondarie di II grado, ragazzi e insegnanti avranno la possibilità di navigare fra diverse centinaia di titoli, tra programmi e collezioni di video tematiche create ad hoc e organizzate secondo le materie e i temi presenti nei programmi di studio.
Più di 100 programmi e decine di collezioni tematiche per scoprire la Storia; 100 titoli anche per parlare di Letteratura e Teatro attraverso programmi, documentari, film e fiction; 60 documentari e tante nuove collezioni per meravigliarsi di fronte all’Arte in tutte le sue forme; e si prosegue con decine e decine di titoli che parlano in Inglese, che ci fanno scoprire le leggi della Scienza o che narrano la storia della nostra società attraverso i racconti dei ragazzi, dei migranti, delle donne, degli operai.
Una selezione dei contenuti della sezione Learning, per bambini e per ragazzi, sarà tradotta, grazie alla collaborazione con la Direzione Pubblica Utilità, in LIS (Lingua italiana dei segni) e resa disponibile su RaiPlay. I bambini sordi potranno vedere il contenuto originale e in un riquadro l’interprete che tradurrà il parlato in Lingua Italiana dei Segni. Tra i titoli tradotti Pimpa, Barbapapà, Giulio Coniglio.

Proseguendo poi nella sua mission di rendere, per quanto possibile, questo tempo di attesa un periodo nel quale possano emergere anche l’umanità, la cultura e la visione del futuro, RaiPlay propone dal 20 aprile, Scrittori#FuoriClasse: nove scrittori e intellettuali come Edoardo Albinati, Valeria Parrella, Matteo Nucci, Viola Ardone, Maurizio De Giovanni, Sandro Veronesi, Francesco Piccolo, Michela Murgia, Valerio Magrelli, si sono resi disponibili a fare lezioni speciali, su temi di interesse sia scolastico sia generale, che possono spaziare dal Romanticismo alla storia della scienza moderna, dall’’approfondimento di un testo o di un autore, all’illustrazione di un’opera d’arte. “Cattedre” provvisorie, alternative e complementari, rivolte non soltanto agli studenti, ma a chiunque abbia voglia di ascoltare e di imparare.
Con Beautiful Minds, invece, uomini e donne di grande spessore della cultura, dello spettacolo, dell’economia, delle professioni sociali getteranno uno sguardo oltre le difficoltà del presente, rifacendosi alle lezioni del proprio vissuto. Lo faranno raccontando in prima persona scelte co- raggiose, sogni realizzati e al tempo stesso ancora da realizzare, vittorie e sconfitte, rimorsi e speranze. Le loro storie personali, dalla prima formazione ai giorni nostri – insieme alle proposte concrete calate in questi giorni bui del Covid-19 – diventeranno “patrimonio collettivo” per immaginare il futuro, il progresso, la rinascita. Beautiful Minds, disponibile dal 18 aprile in esclusiva per RaiPlay, sarà un format di 20 puntate, con 20 protagonisti diversi.
Si chiama Interdependence, invece, un progetto, in esclusiva per RaiPlay, composto da 11 cor- tometraggi realizzati per la sensibilizzazione all’ambiente e ai cambiamenti climatici: una produzione ART for The World, con il patrocinio delle Nazioni Unite di Ginevra, dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale e della Città di Milano. Un percorso che, già dal 24 marzo, accompagnerà i telespettatori, con due cortometraggi a settimana, fino al 22 aprile, alla Giornata mondiale della Terra.

Su RaiPlay, poi, si rinnova una storica collaborazione, quella tra la Rai e il Teatro alla Scala. Con Opera La Scala l’obiettivo è portare opera, balletti e concerti nelle case di tutti gli italiani attraverso la tv e il web, nelle settimane in cui i teatri sono chiusi a causa dell’emergenza sanitaria. A partire da lunedì 23 marzo, trenta grandi spettacoli sono online in anteprima su RaiPlay e poi in onda su Rai5. Un ciclo inaugurato da “La gazza ladra” di Gioachino Rossini, nell’interpretazione di Riccardo Chailly, con la regia del premio Oscar Gabriele Salvatores. Alla selezione delle grandi opere liriche si aggiunge La Scala e i suoi protagonisti, un raro e prezioso documentario, realizzato nel 1977, sulla storia del tempio della
lirica mondiale, uno dei simboli più prestigiosi di Milano, raccontato dalla
regista Dora Ossenska, con la voce di alcuni dei più importanti nomi della scena musicale e operistica del ‘900: Maria Callas, Claudio Abbado, Herbert von Karajan, Luchino Visconti.

Nel solco dell’offerta culturale si collocano anche i Grandi Romanzi Classici e il progetto Dan- te Alighieri.
Da “Anna Karenina” di Tolstoj a “Una donna spezzata” di Simone De Beauvoir, passando per ti- toli come “I Miserabili” di Hugo, “I promessi sposi” di Manzoni, “La coscienza di Zeno” di Svevo: l’archivio di Rai Teche ha reso disponibili online – su RaiPlay, nella fascia “Classici da vedere” – 26 classici della letteratura europea otto-novecentesca trasposti negli ultimi sessant’anni dalla Rai in sceneggiati e fiction, tutti classici inseriti nei programmi scolastici ufficiali approvati dal Ministero della Pubblica Istruzione. È online anche la versione integrale della lettura della “Divina Commedia” di Vittorio Sermonti. Per cento giorni di seguito, dal 25 marzo, viene pubblicato un canto al giorno, letto dal più illustre divulgatore dell’opera dantesca. Una proposta culturale completata dalle decine di pillole d’archivio di grandi attori che leggono alcune terzine della “Commedia”, da Vittorio Gassman a Giorgio Albertazzi, da Anna Proclemer a Carmelo Bene, da Roberto Benigni a Licia Maglietta.
Disponibile in esclusiva su RaiPlay anche A-B-Cura di te: otto brevi video, realizzati dalla redazione del programma “Tutta Salute”, in collaborazione con la Direzione Creativa Rai, per focalizzare l’attenzione sui temi fondamentali dell’emergenza coronavirus, dal lavaggio delle mani all’uso dei guanti, dalla donazione del sangue all’importanza della permanenza in casa. Tutti i video sono già disponibili sulla piattaforma.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su